Viabilità

Lecco-Bergamo: la Provincia frena la "fuga in avanti" di Fragomeli

L'onorevole dem dava per fatta la convenzione tra Ministero, Anas e Provincia. Quest'ultima smentisce: "Questa mattina ci hanno inviato alcune modifiche alla convenzione che dovremo valutare insieme"

Lecco-Bergamo: la Provincia frena la "fuga in avanti" di Fragomeli
Politica Lecco e dintorni, 23 Luglio 2021 ore 14:27

Lecco-Bergamo: "Trovato l'accordo" annunciava ieri l'onorevole dem Gian Mario Fragomeli.  Ma non è "ancora" esattamente così, stando alla nota stampa diramata pochi minuti fa dai vertici politici di  Villa Locatelli.

Lecco-Bergamo: "convenzione da rivedere"

"Questa mattina Ministero e Anas ci hanno inviato alcune modifiche alla convenzione che dovremo valutare insieme" fa  sapere il presidente della provincia Claudio Locatelli, insieme ai Consiglieri provinciali Mattia MicheliStefano Simonetti e Bruno Crippa. 

"La Provincia di Lecco sta lavorando da mesi a stretto contatto con Ministero, Regione Lombardia, Anas e parlamentari del territorio per trovare una soluzione alla complessa vicenda, che consenta di ripartire prima possibile con la progettazione esecutiva propedeutica alla ripresa dei lavori" ricorda Usuelli. "Lo scorso 21 luglio si è svolto un ulteriore incontro per arrivare alla stesura definitiva della convenzione da sottoporre al Ministero per l’approvazione". vero è che questa mattina, venerdì 23n luglio 2021,  "Ministero e Anas ci hanno inviato alcune modifiche alla convenzione che dovremo valutare insieme".

Usuelli: "Ora come ora meglio evitare fughe avanti"

Il dado non è, insomma, ancora tratto come aveva entusiasticamente annunciato il parlamentare lecchese nel tardo pomeriggio di ieri. "Confidando in un esito positivo della complessa vicenda, in attesa dei pareri definitivi necessari per giungere alla sottoscrizione della convenzione, è doveroso ringraziare tutti gli attori che ci hanno supportato fin dall’inizio del percorso, per la condivisione dei contenuti dell’accordo da sottoporre al Ministero" conclude Usuelli. Infilando però una stoccata di velato biasimo: "In questa fase delicata occorre evitare fughe in avanti che possano precludere il buon esito del procedimento amministrativo non ancora concluso”.