Menu
Cerca

Sviluppo sostenibile: ecco gli obiettivi delle aziende per la salvaguardia delle risorse ambientali

Sviluppo sostenibile: ecco gli obiettivi delle aziende per la salvaguardia delle risorse ambientali
Idee & Consigli 30 Novembre 2020 ore 14:18

Il tema dell’ecosostenibilità ambientale continua a tenere banco nel nostro paese, riflettendo una tendenza ormai sempre più diffusa e prioritaria a livello globale.

L’impegno di adottare strategie che guardino alla sostenibilità coinvolge un numero sempre maggiore di aziende, per le quali è stringente la necessità di perseguire obiettivi virtuosi, in grado di portare risultati concreti nella salvaguardia delle risorse ambientali del pianeta.

La gestione dei rifiuti, gli investimenti nelle fonti rinnovabili e la necessità di eliminare gradualmente, ma in modo sempre più massiccio, materiali inquinanti, sono alcune tra le priorità a cui guardano le imprese. 

I punti fermi sono quelli che riguardano il maggiore sfruttamento delle risorse già disponibili, evitando sprechi e favorendo il riciclo, riducendo il più possibile l’impatto negativo sulla natura anche nelle più semplici lavorazioni industriali. 

Una delle realtà che si sta contraddistinguendo per il proprio impegno nel campo della sostenibilità ambientale è senza dubbio il gruppo Procter & Gamble, che ha di recente annunciato un ambiziosa agenda per il 2030 con cui assicurare uno sviluppo sostenibile per i suoi marchi, a favore dell’ambiente.

I progressi dell’agenda di sviluppo sostenibile vengono costantemente riportati anche su una sezione dedicata del sito ufficiale, consultabile alla pagina https://it.pg.com/sviluppo-sostenibile/, dove ogni consumatore può rimanere costantemente aggiornato in merito ai traguardi raggiunti e agli impegni presi per la tutela del pianeta.

L’importanza di adottare un’economia circolare

Uno degli obiettivi che le aziende cercano di perseguire a favore di uno sviluppo sostenibile è quello di creare una vera e propria economia circolare, che permetta di riciclare il più possibile quelli che vengono considerati materiali di scarto, come per esempio il packaging di determinati prodotti. 

La plastica è uno dei principali agenti inquinanti del pianeta e, se smaltirla è molto difficile, ripulirla e trattarla perché torni a nuova vita è un modo per sfruttare quello che altrimenti rimarrebbe un rifiuto. 

Per questo P&G ha avviato una partnership con TerraCycle, mettendo in alcuni paesi a disposizione dei brand sulla piattaforma e-commerce Loop. Optando per questa modalità d’acquisto, il consumatore potrà disporre il ritiro a domicilio dell’imballaggio usato da parte di TerraCycle, che provvederà a trattarlo con specifiche tecniche igienizzanti che ne permetteranno il riuso e non rendendo necessaria la produzione di nuovi packaging. 

A questo impegno virtuoso l’azienda affianca anche l’obiettivo di arrivare a ridurre del 50% il quantitativo di plastica vergine derivata dal petrolio presente nei propri imballaggi.

Risparmiare acqua e investire nelle fonti rinnovabili per uno sviluppo sostenibile

L’acqua è una risorsa preziosa, che non in tutte le zone del pianeta è sempre disponibile: per questo, tra gli obiettivi delle aziende c’è anche quello di utilizzarne meno possibile sia nei processi produttivi che attraverso la realizzazione di prodotti che permettano ai consumatori di diminuirne il fabbisogno. 

Al tempo stesso, indispensabile per perseguire uno sviluppo sostenibile risulta la scelta di investire in fonti di energia rinnovabile, un provvedimento indispensabile per abbattere le emissioni di CO2 legati all’impiego di combustibili fossili. Al giorno d’oggi, le possibilità per le aziende sono davvero numerose.

Per esempio, P&G si è assicurata di impiegare energia elettrica prodotta da impianti eolici e a biomasse, senza dimenticare di attuare strategie con cui ottimizzare i consumi all’interno dei propri stabilimenti di produzione.

Un’attenzione, quella per il risparmio energetico, che arriva fino alle case dei consumatori: l’obiettivo, infatti, è anche quello di immettere sul mercato sempre più prodotti in grado di limitare la richiesta di energia da parte delle utenze domestiche.