Appuntamento

La banda di Barzio non rinuncia al tradizionale concerto di Ferragosto

La serata inizierà venerdì 14 agosto, alle 21, con l'unica novità della location: non in piazza Garibaldi, bensì alla tensostruttura di via Provinciale.

La banda di Barzio non rinuncia al tradizionale concerto di Ferragosto
Valsassina, 10 Agosto 2020 ore 15:43

Dopo aver dovuto rinunciare al Concerto di Pasqua, a causa dell’emergenza Covid-19, il Corpo musicale Santa Cecilia di Barzio non interrompe la tradizione e propone il Concerto di Ferragosto, come sempre in programma nella serata del 14 agosto.

La banda di Barzio non rinuncia al tradizionale concerto di Ferragosto

Appuntamento, quindi, venerdì prossimo, con l’unica novità della location: non in piazza Garibaldi, bensì alla tensostruttura di via Provinciale (sotto il piazzale del mercato). Il concerto avrà inizio alle 21, sotto la direzione del maestro Iose Ratti e si svolgerà nel pieno rispetto delle vigenti norme anti Codiv-19: il pubblico potrà accedere all’area del concerto fino all’esaurimento dei posti a sedere disponibili. Non è prevista prenotazione. Il concerto è organizzato con il patrocinio dei Comuni di Barzio, Cremeno, Cassina e Moggio. L’ingresso è libero.

“Concerto come omaggio all’Italia e al nostro territorio”

In occasione del Concerto di capodanno ci eravamo salutati con l’augurio per un 2020 pieno di musica, di arte, edi passione. Purtroppo quanto accaduto non ha permesso di ritrovarci insieme prima d’ora; nei mesi passati anche la varie attività artistiche e musicali sono state costrette al fermo, ma ora siamo pronti a ricominciare – afferma Mario Tagliaferri, presidente del Corpo musicale – Il nostro concerto di Ferragosto vuole essere un omaggio all’Italia e al nostro territorio. Con la nostra musica vogliamo donare un poco di spensieratezza e di serenità, senza dimenticare quanto accaduto negli ultimi mesi, ma con tanta voglia di guardare al futuro”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia