Menu
Cerca
Virus e turismo

Turismo sul Lago l’incertezza sulla Pasqua frena le prenotazioni: è attesa per il nuovo Dpcm

1 cittadino su 3 sospende i programmi di viaggio in attesa di conoscere le nuove disposizioni del Governo. Trezzi e Bonfiglio: “Importante dare certezze alle imprese, si avvicina un altro momento delicato per il turismo”

Turismo sul Lago l’incertezza sulla Pasqua frena  le prenotazioni: è attesa per il nuovo Dpcm
Economia Lecco e dintorni, 26 Febbraio 2021 ore 15:27

Non c’è pace per il turismo lariano: dopo l’azzeramento sostanziale della stagione sciistica, è di nuovo attesa per le nuove misure restrittive ferma i programmi di viaggio di un italiano su tre (32%) per le vacanze o gite fuori porta in previsione delle feste pasquali. Comprensibile, quindi, la preoccupazione nelle due province di Lecco e Como, nell’approssimarsi di una fase delicata, che segna proprio con la Pasqua l’inizio della stagione turistica per il nostro lago.

Turismo sul Lago l’incertezza sulla Pasqua frena le prenotazioni: è attesa per il nuovo Dpcm

Il dato emerge da una analisi Coldiretti/Ixe’ in riferimento all’annuncio del ministro della Salute Roberto Speranza sull’entrata in vigore del nuovo DPCM dal 6 marzo al 6 aprile. Una decisione pesante per la mobilità che riguarda anche il primo lungo weekend primaverile di festa che rappresenta anche l’occasione per le consuete gite fuori porta di Pasqua e Pasquetta.

“Il territorio ha già pagato un prezzo altissimo e non può permettersi di arrivare a ridosso delle festività pasquali nell’incertezza” dice Fortunato rezzi, presidente della Coldiretti interprovinciale.

A rischio il  sistema di servizi, ospitalità e agri ristorazione

A rischio – sottolinea Coldiretti Como Lecco – c’è un sistema di servizi, ospitalità e agri ristorazione che può contare in Italia su 493319 posti a tavola e 285027 posti letto e che prima della pandemia poteva contare su un fatturato di 1,5 miliardi di euro grazie a poco più di 14 milioni di presenze, delle quali ben 8,2 milioni provenienti dall’estero.

“Nelle due province lariane gli agriturismi sono spesso situati in zone isolate e in strutture familiari, con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto: si tratta – sottolinea il presidente dell’associazione agrituristica Terranostra Como Lecco Emanuele Bonfiglio – di luoghi sicuri perché è più facile garantire il rispetto delle misure di prevenzione per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche. Oltre a rispettare tutte le prescrizioni sanitarie e come ulteriore impegno a garanzia di tutti abbiamo anche creato un vademecum interno per rafforzare le misure anti contagio: l’agriturismo è casa nostra e la sicurezza è quella che vogliamo per le nostre famiglie. Chi viene da noi si deve sentire sicuro come a casa propria”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli