Inaugurato nuovo stabilimento Technoprobe Spa IL VIDEO

Il taglio del nastro con la famiglia Crippa

Inaugurato nuovo stabilimento Technoprobe Spa IL VIDEO
27 Settembre 2017 ore 14:37

Technoprobe Spa inaugura il nuovo stabilimento di Cernusco Lombardone.

Storia della famiglia Crippa

Technoprobe Spa inizia la sua storia nel  1995 da Giuseppe Crippa.  Una sfida familiare iniziata nel garage di casa dalla passione del fondatore “Peppino”. “Cominciammo a fabbricare componenti elettronici che il mercato richiedeva, ma nessuno li produceva in Italia”. L’azienda, quindi,  si occupa  di tecnologia e innovazione fornendo le apparecchiature per testare i meccanismi elettronici delle aziende del settore elettronico. Unici in Italia,  esportano complessivamente il 90% dei loro prodotti.  L’azienda a gestione familiare trasmette i valori umani e tipici della realtà locale.

Cento assunzioni nel 2017

Il nuovo stabilimento Technoprobe Spa punta all’innovazione tecnologica. “Stiamo vivendo una fase molto positiva nella storia della nostra realtà – precisa Roberto Crippa, 37 anni -. Nell’ultimo anno abbiamo raddoppiato il fatturato puntando su ricerca e innovazione”.  Il taglio del nastro, martedì sera, con clienti provenienti da tutto il mondo come momento ideale dei festeggiamenti. Oltre 100 assunzioni nella sede meratese nel 2017.

Tutte le figure ricercate

Nell’ultimo anno l’azienda ha assunto 100 collaboratori nella sede di Cernusco Lombardone, quindi con una crescita evidente in campo occupazionale. Ingegneri meccanici, elettronici e tecnici specializzati i profili più ricercati . L’azienda conta 600 dipendenti, mentre la sede meratese conta 300 dipendenti e altri 300 sono distribuiti nelle filiali estere.  Technoprobe Spa è presente in Francia, Filippine, Singapore e USA.

Non perdere tutte le immagini e la storia della famiglia Crippa sul Giornale di Merate in edicola martedì 3 ottobre.

 

 

 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia