Confartigianato Lecco

“Smart working per la Pubblica amministrazione? Già ora le imprese lamentano disagi”

Riva: "Non è tollerabile che, oltre alle difficoltà della crisi, gli imprenditori debbano subire anche questi problemi di accesso ai servizi pubblici"

“Smart working per la Pubblica amministrazione? Già ora le imprese lamentano disagi”
Lecco e dintorni, 15 Ottobre 2020 ore 15:39

“La maggior parte delle micro e piccole imprese artigiane lamenta grandi difficoltà ad accedere ai servizi pubblici. L’ipotesi di un prolungamento fino a gennaio dello smart working negli uffici della PA, o quella di un innalzamento al 60% dei lavoratori coinvolti dal 2021 non può essere l’unica risposta alla situazione attuale”. Sono queste le parole del presidente di Confartigianato Imprese LeccoDaniele Riva.

“Smart working per la Pubblica amministrazione? Già ora le imprese lamentano disagi”

Il senso dell’intervento non è ovviamente quello di contestare le necessarie misure di cautela rispetto ad una possibile nuova ondata di contagi (nei giorni scorsi c’è stata  l’ufficializzazione del nuovo Dpcm in merito), quanto piuttosto mettere sul tavolo un tema di buon senso. Se è vero, come ha ribadito lunedì il premier Giuseppe Conte, che merita necessarie tutele anche una filiera produttiva in lenta e faticosa ripresa, allora occorre che gli strumenti per riemergere siano chiari e certi. “Il 69% delle micro e piccole imprese lamenta grandi difficoltà per accedere ai servizi pubblici dopo il lockdown – ribadisce Riva – E’ il risultato di un sondaggio condotto da Confartigianato su oltre 3mila imprenditori associati. E’ la conferma che la Pa deve ristrutturarsi e riorganizzarsi per consentire ai dipendenti pubblici di svolgere i propri compiti in modo efficiente, pur operando in smart working. Non è tollerabile che, oltre alle difficoltà della crisi, gli imprenditori debbano subire anche questi problemi di accesso ai servizi pubblici. Così lo smart working della Pa finisce per diventare lavoro da casa, comodo per chi lo fa ma con effetti negativi per imprenditori e cittadini utenti. C’è tanto da migliorare sul fronte della digitalizzazione. Durante i mesi più drammatici dell’emergenza Covid, la gestione dei flussi di big data da parte della Pa avrebbe consentito di rendere più efficaci e rapidi gli interventi nei confronti delle imprese. Ma così non è stato. Lo testimonia quanto avvenuto nell’erogazione dei contributi alle imprese: la Pa pur possedendo i dati degli imprenditori obbligati dal 2019 alla fatturazione elettronica, non li ha utilizzati, imponendo agli imprenditori lunghe trafile burocratiche per dimostrare requisiti di ricavi e fatturati che la Pa già conosceva”. Un tema, quello dei servizi digitali offerti dagli uffici pubblici, che il presidente Riva aveva già sollevato al termine del lockdown. “Ricordo gli artigiani che mi confermavano di chiamare in Camera di commercio e di non trovare nessun impiegato disponibile. E poi, ancora, l’impossibilità di attivare pratiche civili, già normalmente in ritardo. Di tutto questo parlavamo tre mesi fa: non vorremmo essere stati facili profeti, anzi, voci nel deserto”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia