Prima crisi 2020: Pozzoli Carni ha chiesto il concordato preventivo

La società cercherà di vendere i 18 punti vendita del gruppo che danno lavoro a 250 dipendenti (in Brianza e nel Lecchese sono 7 punti vendita con 150 dipendenti).

Prima crisi 2020: Pozzoli Carni ha chiesto il concordato preventivo
Lecco e dintorni, 09 Gennaio 2020 ore 11:01

Prima crisi 2020: Pozzoli Carni ha chiesto il concordato preventivo depositando la domanda al Tribunale di Monza . Lo ha annunciato la  società ieri, mercoledì 8 gennaio 2020, durante un incontro con i sindacati.

LEGGI ANCHE Vertenza Conad/Auchan: svolta per due negozi lecchesi

 Pozzoli Carni ha chiesto il concordato preventivo

Secondo la Cisl Monza Brianza Lecco la proprietà, tuttora in mano alla famiglia Pozzoli, cercherà di vendere i 18 punti vendita del gruppo che danno lavoro a 250 dipendenti (in Brianza e nel Lecchese sono 7 punti vendita con 150 dipendenti). “Se la vendita non dovesse andare a buon fine il rischio è che il gruppo possa fallire. In quel caso i posti di lavoro sarebbero a rischio”.

Francesco Barazzetta, Fisascat Cisl Mbl

«Stiamo seguendo attentamente la vicenda – spiega Francesco Barazzetta, Fisascat Cisl Mbl -. Siamo molto preoccupati per le possibili ricadute occupazionali. Cercheremo di tutelare al massimo i lavoratori anche attraverso l’impiego di ammortizzatori sociali»

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia