Eccellenze lecchesi

Maxi Sport pronto ad assumere 40 persone

Assunzioni in vista dell'apertura del nuovo negozio a Milano

Maxi Sport pronto ad assumere 40 persone
Economia Meratese, 12 Settembre 2021 ore 09:46

Negozi fisici ma anche tanto digitale nel futuro di Maxi Sport S.p.A.,una delle realtà più belle e innovative del territorio italiano nel settore retail che ha superato il fatturato di 50 milioni di euro e occupa oltre 200 dipendenti. Un gruppo articolato e di successo, un punto di riferimento per gli articoli sportivi e l’abbigliamento casual,  che continua a sviluppare la parte della vendita online: la tecnologia del commercio elettronico si evolve continuamente e l'azienda di Merate vuole stare al passo, anzi all’avanguardia, aggiornando i sistemi, inserendo nuovi processi e migliorare costantemente l’esperienza dell’acquisto digitale.

LEGGI ANCHE Maxi Sport, i campioni dell’e-commerce

Quando come Maxi Sport avete deciso di scommettere sul digitale?

“Abbiamo aperto il primo sito nel 1998 e nel 2002 abbiamo ricevuto il primo pagamento online - ci ha confida Ester Sala, 42 anni, di Barzanò, brand manager e responsabile marketing&e-commerce del Gruppo brianzolo -  Ci abbiamo sempre creduto e siamo cresciuti anno dopo anno. Nel 2006, dopo un’esperienza di quattro anni in Ermenegildo Zegna, ho iniziato ad occuparmi della parte marketing e ecommerce; allora fatturavamo 500 milioni di lire, cioè 250 mila euro. Oggi dei 50 milioni del fatturato consolidato del Gruppo, la metà è data dall’e-commerce. Nel 2017 abbiamo acquistato i macchinari Styleshoots, prodotte da un’azienda olandese, che servono per realizzare foto di prodotti utili alla vendita online; grazie a questi macchinari produciamo scatti in grande quantità e con un alto livello qualitativo, automatizzando un processo creativo, monitorando i costi. Questo fu un investimento da oltre i 150 mila euro. Macchinari innovativi che avevamo individuato alla Euromesse di Dusseldorf, una tra le fiere del retail, della tecnologia e dell’innovazione, più importanti d’europa. Noi ci abbiamo subito creduto e abbiamo preceduto nell’acquisto un colosso come Zalando”.

Per fare questi numeri dovete disporre di una logistica efficiente.

“Il magazzino centrale è presso Geodis, una società logistica specializzata che serve anche altri player digitali importanti nel mercato. Questa piattaforma dialoga poi con i quattro magazzini dei quattro punti vendita di Merate, Lissone, Sesto e Brescia. Tutto deve girare perfettamente perché, dal momento della conferma dell’ordine, garantiamo la consegna del prodotto acquistato al cliente entro 24 ore, fino a Roma; al sud e alle isole arriviamo con un lasso di tempo di 48-72 ore. E queste tempistiche le garantiamo dopo aver fatto un controllo di qualità del prodotto. I riscontri sono molto positivi”

Grazie a questa sensibilità e organizzazione avete avuto molti riconoscimenti. Ultimo, ma solo in ordine di tempo, quello di inizio anno di miglior sito di e-commerce in Italia assegnato da Affari&Finanza.

“Questo premio è stato ottenuto dopo che Affari&Finanza ha svolto una ricerca sulla soddisfazione dei clienti, da un’inchiesta di customer satisfaction per l’acquisto di articoli sportivi. Non è stata una candidatura nostra o la presentazione di un progetto aziendale, ma un riconoscimento esterno fatto dai consumatori. In più è arrivato in un momento molto particolare, nel bel mezzo della pandemia, dove tutto il nostro personale era costretto all’interno delle proprie case e con molte attività, come la nostra, chiuse al pubblico

Come avete affrontato il lockdown?

“Come dicevo prima ci siamo rimboccati le maniche per puntare tutto sul digitale, dove però eravamo già presenti e posizionati. Abbiamo potenziato il customer service e il servizio logistico e in più ci siamo chiesti come potevamo essere utili ai nostri clienti e tra le tante iniziative abbiamo tenuto anche in allenamento le persone grazie a fit&home: un programma di allenamenti gratuito sui social realizzato da tre istruttori locali per fare cardio, stretching e mindfullness. “

La persona è al centro di tutte le strategie di Maxi Sport, ma lo sono anche i vostri collaboratori?

“Certamente. Tutto questo è possibile grazie ai nostri centinaia di dipendenti. L’azienda è una macchina complessa con tanti ingranaggi e ognuno deve fare il suo pezzo, tutti gli ingranaggi devono combaciare ed essere oliati. Non è una cosa scontata. Se ognuno di loro fa bene il proprio lavoro ne beneficia non solo azienda ma tutti noi.Grazie a nuove forme di Welfare vogliamo migliorare ulteriormente il rapporto con loro. Insieme sempre più Maxi è il nostro motto!

Il gruppo continua a crescere, ma cerca anche nuovo personale?

“Sempre. Cerchiamo persone appassionate e che vogliono fare questo lavoro. I tre requisiti principali per noi sono passione, proattività e disponibilità. E’ faticoso fare l’addetto alle vendite perché sei a contatto con le persone, a loro disposizione, devi capirle in pochi secondi, devi intuire cosa desiderano e devi essere disponibile 7 giorni su 7, ovviamente con i giorni di riposo e ferie. Scegliamo persone giovani che poi formiamo grazie a percorsi formativi interni. Per il nuovo negozio Maxi Sport che apriremo a novembre a Milano assumeremo 40 persone: personal assistant che abbiano passione per calcio, basket, running, montagna, sci, snowboard, golf, padel, moda e sneaker. Fatevi avanti: vi stiamo aspettando!”