Economia
Economia

Esuberi Carrefour: trovato l'accordo con i sindacati

Si tratta di un accordo complesso che riguarda tutti i 350 punti vendita in Italia (27 tra Brianza e Lecchese per 400 dipendenti complessivi nei due territori)

Esuberi Carrefour: trovato l'accordo con i sindacati
Economia Lecco e dintorni, 15 Gennaio 2022 ore 10:55

Carrefour si riorganizza. Una fase di trasformazione che sarà gestita da un’intesa firmata nei gioni scorsi  dalle organizzazioni sindacali (Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs) e dai responsabili del gruppo transalpino. Si tratta di un accordo complesso che riguarda tutti i 350 punti vendita in Italia (27 tra Brianza e Lecchese per 400 dipendenti complessivi nei due territori) e che migliora la gestione dei negozi in franchising "L’accordo – spiega Francesco Barazzetta, segretario generale Fisascat Cisl Monza Brianza Lecco – è uno strumento negoziale fondamentale perché ci permette di gestire una riorganizzazione aziendale di grande importanza perché riguarda un terzo dell’azienda".

LEGGI ANCHE Carrefour licenzia 35 dipendenti in Brianza. Timore di cessioni nel Lecchese

Esuberi Carrefour: trovato l'accordo con i sindacati

L’intesa riguarda anzitutto gli esuberi. Grazie alla trattativa, il loro numero è stato portato a 719 dai 769 inizialmente chiesti dalla società. "L’uscita – continua Barazzetta – sarà gestita unicamente con il criterio della non opposizione e della volontarietà a fronte di un incentivo all’esodo2.

All’interno della riorganizzazione è prevista anche la possibilità di ricollocare i lavoratori all’interno della rete commerciale. "Anche in questo caso – sottolinea Barazzetta – è stato previsto il criterio della volontarietà e, comunque, sarà sempre necessario il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali. .L’intesa prevede poi percorsi di riqualificazione interna del personale o di ricollocazione presso terzi".

Innovativo l’approccio sul tema del franchising in vista della cessione di 106 negozi della rete vendita a terzi operatori commerciali nel 2022. L’accordo, il primo siglato nel settore della distribuzione commerciale, impegna Carrefour a vincolare nei contratti stipulati all’applicazione dei contratti nazionali sottoscritti da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, al rispetto delle normative su salute e sicurezza e a prendere i provvedimenti necessari per evitare qualsiasi forma di corruzione. Nel caso in cui vengano ceduti o affittati a terzi operatori punti vendita a gestione diretta, continuerà a essere applicata la contrattazione integrativa aziendale e saranno riconosciute in continuità la rappresentanza e le agibilità sindacali. Sono previsti inoltre dei momenti di monitoraggio per l’andamento della rete franchising, informazioni preventive all’apertura di procedure di cessione di rami e la responsabilizzazione di Carrefour qualora le organizzazioni sindacali denuncino il mancato rispetto delle normative da parte del franchisee. L’impresa si è inoltre impegnata a non prevedere ulteriori affidamenti di attività a terzi.

"Questo accordo – conclude Barazzetta – è un passo importante perché segna il ripristino delle relazioni sindacali e l’avvio di una nuova fase di gestione del rilancio della multinazionale in Italia".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter