Menu
Cerca
Eccellenze lecchesi

Colombo si riconverte e lancia l’espositore per gel

La nota impresa di Valmadrera si è parzialmente riconvertita e sta raccogliendo un boom di ordini

Colombo  si riconverte e lancia l’espositore per gel
Economia Lecco e dintorni, 11 Maggio 2020 ore 11:00

Ha riconvertito parte della produzione nei dispositivi di sicurezza, ha inventato un bellissimo espositore per gel igienizzante e messo a punto una serie di barriere in plexiglas per rendere più sicure le postazioni di lavoro. Ed è stato subito un grande successo. L’Editoria Grafica Colombo di Valmadrera è una solida realtà guidata dai fratelli Maristella, Marco e Giovanni, occupa 10 dipendenti ed è specializzata nella stampa offset, stampa digitale, editoria, cartotecnica, packaging, prodotti per la comunicazione temporanea di stand e fiere. “Non ci siamo mai fermati in questi due mesi di lockdown essendo inseriti nella filiera delle aziende essenziali, in quanto fornitori di alcune imprese del settore alimentare farmaceutico – ci ha spiegato Marco Colombo, che è stato presidente nazionale dei Giovani imprenditori di Confartigianato dal 2008 al 2012 – Non tutta la produzione, però, stava andando a pieno regime e così abbiamo pensato a come riconvertire parte dell’azienda”.

LEGGI ANCHE Coronavirus: i casi nella nostra provincia COMUNE PER COMUNE

Da qui l’idea degli espositori per gel igienizzanti e delle barriere in plexiglas

“Non abbiamo inventato nulla, facciamo prodotti simili con la stampa grandi formati per le aziende che devono allestire stand e partecipare alle fiere. Ci siamo semplicemente accorti che tutte le attività hanno e avranno necessità di mettere a disposizione di collaboratori e clienti gel igienizzanti e così abbiamo creato questo espositore personalizzato con il proprio logo. Abbiamo realizzato un paio di campioni, li abbiamo condivisi con alcuni clienti, c’è stato un po’ di passaparola e il prodotto è andato a ruba, tanto che lo abbiamo messo in produzione già a metà aprile”.

Quanti ne avete realizzati?

“Nei primi dieci giorni siamo arrivati a 500 pezzi, anche perché lo abbiamo suggerito ad alcune aziende con le quali collaboriamo e che a loro volta hanno replicato la comunicazione di questo prodotto moltiplicando le richieste. Lo vendiamo a prezzo molto contenuto, anche perché in questo momento non ci sembrava corretto speculare su una simile attività”.

Accanto ai contenitori state realizzando pure divisori protettivi in plexiglas.

“Si, è un’altra necessità che abbiamo intercettato. Non tutte le aziende devono dotarsi di questi divisori, ma molte li richiedono per aumentare la sicurezza nei luoghi di lavoro contribuendo a ridurre al minimo i rischi di contagio. Devo ammettere che come sempre le imprese di ogni livello hanno recepito con grande coscienza la necessità di attrezzarsi con questi sistemi di sicurezza.”

L’intervista completa si può leggere sul Giornale di Lecco, in edicola da lunedì 11 maggio: clicca qui per la versione sfogliabile.