Multisala nell’area ex Fomp, ecco il progetto

Riqualificazione della zona, posti di lavoro e nuovi brand

Multisala nell’area ex Fomp, ecco il progetto
04 Novembre 2017 ore 23:28

Il Comune di Valmadrera da il via libera per il progetto di riqualificazione.

Le novità in arrivo

L’area Ex Fomp cambierà volto, in arrivo un centro commercio con multisala.  In una zona rimasta senza sale cinematografiche pare che il futuro gestore sia proprio  “The Space Cinema”, un nome noto in Brianza per l’esperienza al centro commerciale Torri Bianche. Le prime indiscrezioni parlano di 7/8 sale a disposizione del pubblico lecchese.   L’annuncio arriva direttamente dalla Giunta guidata da Donatella Crippa e coinvolge un’area complessiva di 44.000 mq. L’Amministrazione comunale ha approvato il Protocollo d’intesa con la società SVI.VA Srl per la promozione dell’Accordo di programma riguardante l’intervento nell’area dell’ex fonderia. Prevede la realizzazione di un complesso destinato a ospitare le sale cinematografiche, oltre che ristoranti e zone per lo shopping.

Dopo anni di attesa arriva la multisala

Le lungaggini sembrano finire e l’area lecchese vedrà nascere la sua prima multisala proprio a Valmadrera. «Sarà una struttura commerciale polivalente ed ecocompatibile con il territorio, a impatto zero – precisa l’assessore all’urbanistica, Marco Piazza -. L’accordo prevede la realizzazione di una struttura, semi ipogea, accanto a spazi green attrezzati e a verde di uso pubblico per lo sport, il tempo libero, nonché attraverso la riorganizzazione della viabilità e il potenziamento del sistema di trasporto intermodale». Da segnalare nuovi posti di lavoro, intorno alle 200 unità.  Saranno 800 i posti auto di cui 150 saranno riservati ai pendolari e ai residenti «proprio nella prospettiva di incentivare lo sviluppo del sistema intermodale». Viabilità e aree verdi saranno potenziate in tutta la città, quindi a beneficio della comunità.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia