Cultura

Un venerdì alla scoperta del cosmo con il Fai Lecco

Appuntamento venerdì 30 novembre alle 21 nella  Sala Unione Industriali via Caprera a Lecco.

Un venerdì alla scoperta del cosmo con il Fai Lecco
Cultura Lecco e dintorni, 28 Novembre 2018 ore 15:50

Venerdì 30 novembre alle 21 nella  Sala Unione Industriali via Caprera a Lecco Giuseppe Gavazzi, astrofisico, professore ordinario dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, terrà una conferenza sul fascinoso e misterioso tema "I colori del cosmo". A promuovere l'interessante iniziativa è il Fai Lecco.

Giuseppe Gavazzi

Giuseppe (Peppo) Gavazzi  classe 1949 è professore ordinario di astrofisica all'università  di Milano Bicocca.  Ottenuta la maturità al liceo classico A. Manzoni di Lecco e  la laurea in fisica con Giuseppe (Beppo) Occhialini, è stato ricercatore all'osservatorio di  Leiden (1975-78), all'Istituto di Fisica Cosmica del CNR di Milano (1978-86) e astronomo  all'osservatorio di Brera (1986-94). Dal 1994 ha militato in ambito universitario prima all'università 
degli studi di Milano, poi al dipartimento di Fisica della Bicocca che porta il nome di Beppo Occhialini.  

I fascino del cosmo

Alla fine dell'anno accademico in corso andrà in pensione. Durante tutta la sua carriera Gavazzi ha coltivato l'interesse per le galassie, a partire dalle  prime ricerche di radioastronomia condotte a Leiden per rispondere alla domanda da cui Beppo  era letteralmente ossessionato: qual' è l'origine dei raggi cosmici? Il suo interesse si è poi spostato  ad altre bande dello spettro elettromagnetico, dai raggi X al visibile e all'infrarosso, dalla terra e dallo spazio, sempre però' concentrato su una domanda fondamentale: secondo quali processi ha luogo l'evoluzione delle galassie?  Come avviene in questi enormi serbatoi cosmici la trasformazione del gas in stelle?  Altri astronomi che si dedicano a questa disciplina lo fanno con un approccio teorico (oppure sviluppando simulazioni al computer),  Gavazzi ha sempre tenuto fede al metodo osservativo. Questo lo ha portato a utilizzare i maggiori telescopi del mondo coi quali ha ottenuto innumerevoli immagini del bestiario cosmico. 

Le pubblicazioni

Autore di circa 185 pubblicazioni apparse sulle riviste internazionali di astrofisica, la sua passione si è anche rivolta alla didattica e alla divulgazione scientifica.  Ha scritto e illustrato un libro per bambini intitolato "Quanto è lontano il cielo" (tradotto in sette lingue) e un libro divulgativo intitolato "La colorata lentezza delle galassie" edito da Marsilio.

L'appuntamento di venerdì

La conferenza di venerdì farà ampio uso del materiale osservativo accumulato sotto forma di immagini spettacolari degli oggetti del cielo e degli ingegnosi strumenti che utilizziamo per osservarlo. Un viaggio attraverso le problematiche che hanno guidato la ricerca attraverso mezzo secolo.