Ultimo appuntamento con il Fai e il ciclo sulle cattedrali

Sabato 28 ottobre sarà possibile partecipare a una visita guidata che, oltre al Duomo, accompagnerà i partecipanti a scoprire i tesori della Biblioteca Capitolare

Ultimo appuntamento con il Fai e il ciclo sulle cattedrali
17 Ottobre 2017 ore 10:31

L’ultimo incontro del ciclo Cattedrali, proposto dalla delegazione Fai di Lecco, si terrà giovedì 19 ottobre alle ore 20.45 presso la Sala conferenze di Confindustria Lecco-Sondrio a Lecco (via Caprera 4).

Cattedrali, è la volta del Duomo di Milano

Argomento della serata è l’appassionante storia del Duomo di Milano. La prima pietra dell’edificio fu posta nel 1386. Man mano che il cantiere procedeva, incorporava l’antica cattedrale di Santa Maria Maggiore. Con il tempo l’intero complesso episcopale cambiò aspetto. Per secoli si  succedettero architetti, maestranze, progetti. Basti pensare quindi che la facciata attuale venne conclusa solo nel XIX secolo. Ma la fabbrica infinita continua ancor oggi. Ciò  per la necessità di continue cure che questa foresta di pietra richiede giorno per giorno.

Arte e fede

Ma il Duomo non è solo un monumento artistico. E’ soprattutto il centro e il simbolo di Milano e della diocesi ambrosiana. Punto riferimento per la particolare spiritualità e la speciale liturgia che caratterizzano la Chiesa milanese.

 

La visita

Sabato 28 ottobre sarà possibile partecipare a una visita guidata che, oltre al Duomo, accompagnerà i partecipanti a scoprire i tesori della Biblioteca Capitolare.

Il relatore

Relatore della serata è monsignor Marco Navoni. Ordinato presbitero nel 1977, nel 1982 si è laureato in lettere classiche presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano con una tesi in storia comparata della liturgia. È Canonico Ordinario Maggiore del Duomo di Milano e Canonico Maggiore Aggregato della Basilica di Sant’Ambrogio. Dal 1991 è Dottore della Veneranda Biblioteca Ambrosiana.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia