Cultura

San Gregorio in festa

Dal 23 agosto al 2 settembre buona cucina, tradizioni e spiritualità

San Gregorio in festa
Cultura Valle San Martino, 22 Agosto 2018 ore 14:39

La comunità della Parrocchia di San Gregorio è in festa. Da giovedì 23 agosto fino a domenica 2 settembre infatti ogni sera, dopo la Santa Messa delle 17, sarà possibile cenare e stare insieme in allegria. Tra gli appuntamenti anche la camminata lungo il sentiero Cai JXXIII.

San Gregorio in festa

La comunità di San Gregorio è lieta di ospitarvi per undici giorni di festa e condivisione. A partire dalla sera di giovedì 23 agosto infatti sarà possibile trascorrere del tempo insieme. Ogni sera, dopo la celebrazione della Santa Messa, ci sarà animazione e cucina tipica ad intrattenere i visitatori. Oltre ai piatti convenzionali delle feste locali ci sarà ogni sera una specialità. Si inizia giovedì con trippa e polenta taragna, a seguire pizzoccheri, crespelle ai formaggi e salsiccia con cipolle e polenta. Domenica 28 a pranzo ci sarà scarpinoc e coniglio con polenta mentre la sera polenta taragna. Lunedì 27 quindi inizia la settimana con spaghetti allo scoglio, a seguire lasagne, polenta e lumache, pasta all'amatriciana, ancora pizzoccheri, bocconcini di vitello con funghi e polenta sabato 1 settembre ed a chiusura la domenica sarà servito il brasato con polenta.

Serate danzanti e burattini

Oltre alla buona cucina ed alla tradizione ci sarà l'animazione ad intrattenere i visitatori. Diverse le serate danzanti con i professionisti del ballo popolare quindi. Nelle serate di lunedì 27, martedì 28 e mercoledì 29 lo spazio è dedicato ai bambini. Saranno infatti la tombola, Margherito Magic Show ed i burattini di Fiorino Losa ad allietare i più piccoli.

Il sentiero di San Giovanni XXIII

Sabato 1 settembre ci sarà la camminata lungo il Sentieri Cai JXXIII. La partenza è dunque fissata per le 13.30 da Sotto il Monte. Il ritrovo infatti è presso la Casa Natale di San Giovanni XXIII. Il percorso si snoderà lungo il tragitto che il piccolo Angelo percorreva per raggiungere il Collegio di Celana proseguendo quindi per San Gregorio. Luogo caro al pontefice bergamasco che in una lettera nel 1955, indirizzata all'allora parroco, scrisse "San Gregorio è uno dei ricordi più cari della mia fanciullezza. Quante volte me ne recai sino dal 1892, quando da Caderizzi di Pontida per alcuni mesi andavo in Celana, e tante e tante volte dappoi da seminarista e da prete, così famigliare com’ero del parroco Don Marinelli che morì poi a Sotto il Monte! Per me San Gregorio è sacro come un santuario". Monsignor Giovan Battista Roncalli, nipote di San Giovanni XXIII, fu parroco a San Gregorio dal 1981 fino al 2005. Fu Don Battista Roncalli a guidare il giovane don Gabriele Mazzoleni, nativo di San Gregorio, nella sua vocazione sacerdotale.