Promessi Sposi protagonisti all’Airoldi e Muzzi

Biagi: "Ai lecchesi manca l’orgoglio di appartenere ai Promessi Sposi"

Promessi Sposi protagonisti all’Airoldi e Muzzi
22 Settembre 2017 ore 14:01

Ha preso avvio il 19 settembre presso gli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi un nuovo progetto educativo dal titolo “Noi, Lecco e i Promessi Sposi da non dimenticare”.

Promessi Sposi, un progetto educativo

Il progetto educativo, che toccherà gli ospiti di tutte le residenze, nasce dall’Associazione “Pomessi Sposi in circolo. Lettura popolare”, e nello specifico da contatti con il consigliere comunale Bruno Biagi. Biagi ha condiviso e promosso con l’assessorato alla Cultura il progetto ” Lecco città dei Promessi Sposi”.

Orgoglio… manzoniano

“Ai lecchesi manca l’orgoglio di appartenere ai Promessi Sposi – sottolinea Bruno Biagi – e il nostro obiettivo è proprio quello di stimolare questo sentimento di appartenenza.”

È nata così l’idea di far presentare agli ospiti delle Residenze alcuni tra i brani più significativi  del romanzo di Alessandro Manzoni. Anche  alcuni cittadini, pur non essendo attori professionisti, hanno intrapreso, per loro passione, corsi di recitazione teatrale. Hanno così  maturato un approfondimento della conoscenza dell’identità della comunità lecchese e delle sue tradizioni attraverso le opere e il pensiero manzoniano.

Gli incontri

Il progetto vede il coinvolgimento di tutti gli educatori che, in una prima fase, hanno il compito di scegliere e preparare gli ospiti al momento di lettura. Quindi il Gruppo di Lettura ha proposto un programma di 3 sessioni da 5 incontri ciascuno, che coinvolgono tutte le Residenze, prevedendo, dove possibile, di affidare piccole parti della lettura ad ospiti.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia