Presentata l’app dei luoghi manzoniani

Inaugurata la rassegna «Lecco Città dei Promessi Sposi»

Presentata l’app dei luoghi manzoniani
12 Ottobre 2017 ore 12:32

Lecco, presentata l’app dei luoghi manzoniani.

Un’app per scoprire Lecco e il Manzoni

Una nuova app per scoprire i luoghi manzoniani. Una tecnologia all’avanguardia costruita sulla cultura 4.0 e che permette di conoscere Lecco accompagnati dalle pagine di Manzoni. E’ stata presentata oggi, durante l’inaugurazione della rassegna «Lecco Città dei Promessi Sposi», l’omonimo software prodotto dalla società FF3D: accompagnerà i turisti per le vie della città, tra i vari luoghi resi celebri dai Promessi Sposi.

Informazioni, foto, accessibilità…

«Non sarà solo un percorso virtuale, ma anche un’unione tra telefonini e realtà. Abbiamo voluto fare un’app semplice, intuitiva e multilingua», ha spiegato Paolo Buccella, ideatore dell’app. Di fianco a lui un pannello con tutti i luoghi manzoniani, che sarà appeso a Villa Manzoni. Oltre a ciò, ogni sito sarà individuato anche da un Qr Code: una volta «fotografato» si apre per ogni luogo una pagina informativa. Qui saranno indicati storia e contestualizzazione nel romanzo, foto, informazioni sugli orari, parcheggi, pullman, accessibilità per i disabili… «L’applicazione è ideata affinché ti invogli ad andare verso un luogo: i siti sono infatti ordinati per distanza dal punto in cui l’utente si trova». Ogni pannello ha poi al suo interno un beacon, che lancia un segnale ai telefoni segnalando la vicinanza di un luogo.

Online anche il nuovo sito

«Con questa app guardiamo al futuro grazie alle nuove tecnologie e all’internazionalizzazione della nostra città», ha sottolineato l’assessore alla cultura Simona Piazza, che ha ringraziato anche gli studenti del Liceo Linguistico Manzoni che hanno curato la traduzione in inglese delle pagine. Lanciato anche il nuovo sito leccocittàdeipromessisposi.it, curato da “Ecco Lecco”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia