Lecco museo all’aperto con le fotografie di Lanfranchi

Con la prima edizione di Solstizio d'Estate  il Comune di Lecco ha voluto rendere omaggio a uno dei fotografi  più rappresentativi della città, Mauro Lanfranchi.

Lecco museo all’aperto con le fotografie di Lanfranchi
Lecco e dintorni, 27 Giugno 2018 ore 10:25

Con la prima edizione di Solstizio d’Estate  il Comune di Lecco ha voluto rendere omaggio a uno dei fotografi  più rappresentativi della città, Mauro Lanfranchi.

 

5 foto Sfoglia la gallery

LEGGI ANCHE

Laorca borgo incantato di Lanfranchi vince al Tourin

Premio a Lanfranchi per una magnifica foto della Grignetta

Mauro Lanfranchi

Per la prima volta, in città, infatti è stata allestita  una mostra diffusa sulle montagne che incorniciano Lecco. I magnifici scatti come detto sono di Mauro Lanfranchi, nato a Lecco nel 1952. Iniziò ad appassionarsi alla fotografia negli anni 70, periodo in cui frequentava il fotoclub, Lecco, nei tempi in cui era presidente, Aldo, Manessier. Da foto amatore, partecipa ed ottiene riconoscimenti in numerosi contest, fotografici. Fra i più prestigiosi, il primo premio al campionato Italiano, Kodak, di foto a colori, organizzato dalla rivista Reflex. Medaglia d’oro per la sezione natura al concorso internazionale Colore in trasparenza di Como.  Negli anni 80 inizia a collaborare con la rivista Natura oggi. Da allora oltre 200 testate italiane ed estere, hanno pubblicato sue immagini. Fra le più autorevoli Bell Italia, Weekend Viaggi, Dove, Alp,  Meridiani montagne ed Orobie.Ama frequentare l’ambiente Alpino, negli orari più insoliti, bivaccando in alta quota, per immortalare albe e tramonti spettacolari.

6 foto Sfoglia la gallery

La mostra

La mostra, è iniziata lo scorso 21 giugno, e si concluderà, il 20 di agosto, nel cortile di Palazzo Bovara, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30,alle 18, e, all’aperto, presso le antiche mura del Vallo, in via Alessandro Volta.

Mario Stojanovic

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia