Cultura
Cultura

Giornate europee del Patrimonio: mostra da non perdere a Villa Monastero

La mostra Tracce napoleoniche nelle collezioni lariane. Curiosità, inediti ritratti e noti Fasti offre uno spaccato di vita nel territorio lecchese nel periodo tra il 1796 e il 1830,

Giornate europee del Patrimonio: mostra da non perdere a Villa Monastero
Cultura Lago, 21 Settembre 2021 ore 12:32

Anche quest’anno la Casa Museo Villa Monastero aderisce all’importante manifestazione delle Giornate europee del Patrimonio organizzata dal Ministero per i Beni, le Attività culturali e il Turismo, proponendo, da sabato 25 settembre 2021 al 31 dicembre 2022, una interessante iniziativa dedicata al Bicentenario della morte di Napoleone attraverso il collezionismo privato.

Giornate europee del Patrimonio: mostra da non perdere a Villa Monastero

La mostra Tracce napoleoniche nelle collezioni lariane. Curiosità, inediti ritratti e noti Fasti offre uno spaccato di vita nel territorio lecchese nel periodo tra il 1796 e il 1830, proponendo dipinti di notevole interesse storico artistico quali l’inedito Ritratto di Napoleone durante la campagna d’Italia e altre immagini del grande condottiero, insieme a più di 70 opere tra quadri, oggetti di uso quotidiano, curiosità, documenti e pubblicazioni, che testimoniano l’apprezzamento del periodo napoleonico da parte di appassionati collezionisti privati, con scelte spesso assai raffinate, che contribuiscono a far meglio conoscere quest’epoca contraddittoria. Curata dal conservatore Anna Ranzi e dallo studioso Francesco D’Alessio, la manifestazione si avvale della collaborazione di studiosi come Massimiliano Ferri e Fabio Possenti, che approfondiscono temi e aspetti legati alla figura del Bonaparte e alla sua era, diffondendone la conoscenza e permettendo di comprenderla meglio.

Il percorso espositivo si articola nelle 14 sale del museo, affiancandosi alle collezioni presenti: nel Salottino Mornico è esposta una significativa serie di incisioni tratte dai celebri Fasti di Napoleone, desunti dai dipinti di Andrea Appiani che decoravano la Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale. Nella adiacente Sala Rossa vi è la tavola apparecchiata con il servizio di piatti di manifattura francese Lunéville e zuppiere provenienti forse da Palazzo Beauharnais, insieme alla bella brocca con decori egizi e a un servizio da the e caffè di inizio ‘800.

Nel Salottino Napoleonico si trova un disegno a pastello col ritratto del grande condottiero nel suo studio, avvicinabile ai modi del pittore francese Hippolite Delaroche, accostata all’incisione tratta dal famoso dipinto di Jacque-Louis David con Bonaparte al Gran San Bernardo. Nelle sale seguenti compaiono stampe con immagini dei suoi famigliari e del suo entourage, come pure i ritratti degli artisti prediletti. Negli ambienti successivi sono esposti oggetti, documenti, pubblicazioni e curiosità (tra cui i due giochi da tavolo elegantemente acquerellati) di uso quotidiano. Infine due suggestivi dipinti dedicati al paesaggio lombardo, dalle delicate atmosfere. Nella Sala della Musica spicca il ritratto inedito di Napoleone raffigurato nel 1796 durante la prima campagna in Italia, definito “liberatore” e “flagello”, dalla bella cornice originaria intagliata con gli emblemi delle vittorie, che costituisce il fulcro dell’esposizione.

A questo si affiancano ritratti di personaggi del mondo contemporaneo lecchese, Bernardo Cima, Carlo Badoni, la famiglia Resinelli, insiemi ai disegni del pittore Onorato Andina, attivo sul Lario, di cui è presente l’intenso ritratto di Agostino Ambrosoli, funzionario del Monte di Napoleone, accostato a don Francesco Tubi, fondatore in esilio della Tipografia Capolago nel 1830. Completa il percorso la Sala delle battaglie (Sala bigliardo) in cui compaiono le stampe dedicate ai combattimenti di Marengo, le mappe del territorio lariano ed europeo dell’epoca e degli anni immediatamente successivi e la veduta prospettica con lo scontro tra Francesi e Austriaci avvenuto nei pressi del Ponte Azzone Visconti a Lecco di Felice Storelli.

La mostra completa le iniziative programmate a maggio per commemorare il Bicentenario della morte di Napoleone (5 maggio 1821), tenutesi in occasione della Giornata Internazionale dei musei Icom, che hanno visto la realizzazione del percorso dedicato alle collezioni della Casa Museo legate al neoclassicismo e all’età napoleonica e il restauro di alcune opere della Villa.

Il Presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli 

“Esprimo un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile questa nuova iniziativa – commenta il Presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli - Siamo grati in particolare ai proprietari che hanno prestato le loro opere, dimostrando in questi anni un’attenzione speciale nei confronti della Villa, che proprio quest’anno ha ottenuto il riconoscimento come museo da Regione Lombardia, dopo aver raggiunto nel 2004 quello di raccolta museale, e verrà inserita nel sistema museale nazionale”.

La Consigliera provinciale delegata alla Cultura e al Turismo Irene Alfaroli 

“Questa mostra – sottolinea la Consigliera provinciale delegata alla Cultura e al Turismo Irene Alfaroli - corredata dalla serie di eventi e approfondimenti previsti per tutta la durata della manifestazione, arricchisce ulteriormente l’offerta culturale della Provincia, proponendo al pubblico, notevolmente aumentato negli ultimi mesi grazie agli interventi di valorizzazione operati dalla Provincia di Lecco nella Villa e nel Giardino botanico, interessanti spunti di riflessione e di studio”.

Per informazioni: