Cultura

Fondazione Comunitaria Lecchese e Lario Reti in campo per valorizzare 60 siti lecchesi, ecco quali, Comune per Comune

Sono stati presentati ed approvati 20 progetti che valorizzeranno 60 siti di interesse artistico e storico che comprendono sia chiese che musei, lungo un’ideale dorsale che dalle ultime propaggini del meratese si estende fino all’Alto Lario, passando per i Piani dei Resinelli e lungo il Sentiero del Viandante.

Fondazione Comunitaria Lecchese e Lario Reti in campo per valorizzare 60 siti lecchesi, ecco quali, Comune per Comune
Cultura Lecco e dintorni, 21 Dicembre 2020 ore 15:24

Un territorio vivace e creativo che non smette di credere nella cultura come driver di crescita e sviluppo. È il ritratto del Lecchese che emerge dal positivo risultato della seconda azione di sistema del Fondo “Sviluppo del territorio provinciale” – Interventi in ambito Storico Artistico e Naturale. Sono stati presentati ed approvati 20 progetti che valorizzeranno 60 siti di interesse artistico e storico che comprendono sia chiese che musei, lungo un’ideale dorsale che dalle ultime propaggini del meratese si estende fino all’Alto Lario, passando per i Piani dei Resinelli e lungo il Sentiero del Viandante. A redigere i progetti 44 Enti del Terzo Settore, Parrocchie e Associazioni che singolarmente o in forma associata hanno partecipato al Bando. I progetti saranno finanziati con un contributo di 462mila euro a valere sul Fondo sviluppo del territorio provinciale Lecchese – Interventi in ambito Storico-Artistico e Naturale. Il Fondo nasce dal protocollo d’intesa siglato per volontà dei Comuni soci di Lario Reti Holding e della Fondazione Comunitaria del Lecchese il 23 dicembre 2019.

LEGGI ANCHE “Aiutiamoci” devolve 5000 euro al “Telefono aiuto”, linea diretta dedicata ai pazienti oncologici

Fondazione Comunitaria Lecchese e Lario Reti in campo per valorizzare 60 siti lecchesi

Ingente la dotazione economica del Fondo, che ha un orizzonte quinquennale: 2.500.000 euro, di cui 2.000.000 euro messi a disposizione dai Comuni soci di Lario Reti Holding e 500.000 euro dalla Fondazione comunitaria.
Obiettivi sono la crescita e lo sviluppo ambientale, culturale e anche turistico del territorio tramite due azioni di sistema: la prima, bandita lo scorso maggio ed in corso di realizzazione, è legata alla manutenzione e alla promozione dei sentieri e delle piste ciclabili, ed ha permesso l’avvio di 14 progetti di manutenzione e promozione dei sentieri pedonali e delle piste ciclabili finanziati con 396.000 euro.
Il protrarsi dell’emergenza Covid aveva reso impossibile bandire in quella fase la seconda azione, che aveva come fulcro il potenziamento della fruibilità dei principali siti di interesse storico artistico del nostro territorio. Nel mese di ottobre il Bando è stato pubblicato ed i progetti possono ora entrare nella fase attuativa.
Gli interventi approvati si sviluppano secondo due macro piste: da un lato propongono strumenti innovativi per la valorizzazione delle opere artistiche e dei musei del territorio lecchese e per un’adeguata promozione turistica; dall’altro prevedono piani straordinari per il potenziamento dell’apertura dei luoghi di interesse storico artistico ed azioni di promozione quali laboratori didattici, esperienze escursionistiche e visite guidate per target diversificati che comprendono anche fasce deboli nell’ottica di una fruizione inclusiva del bene. I progetti avranno la durata di 12 mesi, da gennaio a dicembre 2021, e concentreranno le aperture e le attività principalmente tra i mesi di aprile ed ottobre.

Dal successo del Fondo per lo sviluppo del territorio lecchese emergono tre indicazioni rilevanti

– il delinearsi di una rete territoriale che intuisce l’opportunità di micro-azioni coordinate per la crescita del territorio;
– la consapevolezza che il turismo di prossimità e il cosiddetto turismo lento possano essere un’importante direzione di sviluppo anche economico, a patto di proporre un’offerta coordinata e varia che preveda anche attività sportive e culturali;
– le potenzialità nel coinvolgere i giovani in esperienze prelavorative e formative.

Un territorio che ha voglia di farsi conoscere

“Ritrovare e rilanciare l’arte e la cultura – afferma Maria Grazia Nasazzi, Presidente della Fondazione comunitaria del Lecchese – che abitano fuori dalla porta delle nostre case, delle nostre comunità: questa è la bellissima sfida che sta appassionando angoli del nostro territorio, un territorio, quello lecchese, ricco di una storia popolare che ha voglia di farsi conoscere. I progetti pervenuti ne sono la conferma, il protocollo d’intesa siglato da Lario Reti Holding e dalla Fondazione una collaborazione da continuare”
“È per noi un grande piacere farci portatori dell’innovazione socio-territoriale che i nostri soci, i Comuni, hanno voluto avviare con la creazione di questo Fondo – commenta Lelio Cavallier, Presidente di Lario Reti Holding – Questo progetto, una grande iniziativa a tutela del territorio, a vantaggio dei cittadini, delle imprese e dell’intera Provincia di Lecco, trova molte similitudini con ciò che è e sempre più vuole essere la nostra azienda.”

Lecco

Basilica di San Nicolò e Campanile
Ex convento e chiesa di Pescarenico
Chiesa del Beato Serafino
Museo del Beato Serafino Morazzone
Valmadrera – Centro Culturale Fatebenefratelli e orto botanico
Valmadrera- Santuario Madonna di San Martino
Civate – Casa del Pellegrino e Chiesa di San Calocero
Monte Barro: Museo Etnografico Alta Brianza e Museo Archeologico del Barro

Oggionese

Annone – Chiesa di San Giorgio
Dolzago- Chiesa di Sant’Alessandro
Oggiono – Chiesa di Sant’Eufemia e Battistero
Ello – Chiesa dei SS Giacomo e Filippo

Meratese e Casatese

Barzago – Santuario di S. Maria Nascente
Barzanò – Canonica di San Salvatore
Bulciago – Museo della memoria contadina
Casatenovo – Dalla chiesetta di Santa Margherita alla cascina di Rancate
Cassago – Mausoleo Visconti Modrone
Cremella – Chiesa SS Sisinio, Martirio e Alessandro
Missaglia- Ex Convento di Santa Maria della Misericordia
Monticello – Villa Greppi
Viganò – Paese della Molera, i cortili, i palazzi
Sirtori – Dall’antico nucleo di Ceregallo alla Chiesa dei SS Nabore e Felice
Merate – Osservatorio Astronomico
Merate – Lago di Sartirana
Paderno d’Adda – Santuario della Rocchetta e Ponte S. Michele

Valle San Martino

Calolzio- Giardino Botanico Villa De Ponti
Garlate – Museo della seta Abegg
Carenno – Museo Ca’ Martì e la Valle dei muratori
Calolziocorte – Monastero di Santa Maria del Lavello
Olginate – Chiesa di Santa Maria La vite

Lario

Dervio – Corenno Plinio Chiesa di San Tommaso e Arche Andreani
Mandello del Lario – Chiesa di San Giorgio
Mandello del Lario- Museo d’arte sacra
Esino- Museo delle Grigne
Vendrogno – Museo del latte
Mandello – Museo della Torre di Maggiana
Abbadia – Civico setificio Monti
Bellano – Chiese S. Marta e S. Nicolao
Bellano – Chiesa di S. Andrea a Bonzeno
Colico – Museo della cultura contadina
Colico – Torre di Fontanedo
Colico – Forte Montecchio
Colico – Forte di Fuentes
Varenna – Museo Scanagatta
Pian dei Resinelli – Museo Villa Gerosa
Lierna – Museo Castiglioni (percorso)

Valsassina

Cremeno – Chiesa S. Giorgio Martire
Pasturo – Chiesa S. Eusebio
Pasturo – Casa e percorso di Antonia Pozzi
Taceno – Chiesa Parrocchiale
Introbio – Chiesa di San Michele
Cortenova – Chiesa dei SS. Fermo e Rustico
Barzio – Museo la Fornace
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità