Festival Zelioli, il primo Fraternization Concert FOTO

Una serata all'insegna della musica con le esibizioni di tre cori.

Festival Zelioli, il primo Fraternization Concert FOTO
Lecco e dintorni, 06 Luglio 2018 ore 13:51

Il primo Fraternization Concert della tredicesima edizione del Festival Zelioli è stato ospitato ieri nella Basilica di San Nicolò di Lecco.

Festival Zelioli, l’esibizione di due cori

Dopo l’evento inaugurale con la sfilata dei cori nel centro della città, l’arrivo delle Lucie con le bandiere delle nazioni partecipanti, l’esecuzione dell’inno europeo ed il concerto del coro ospite canadese, ieri è stato il momento del primo Fraternization Concert del Festival. Hanno partecipato due cori: quello dei Piccoli Cantori delle Colline di Brianza e Li.Ve. Licabella Vocal ensemble di La Valletta Brianza e quello delle Mädchenchor Am Kölner Dom di Colonia.

Il coro della Valletta Brianza

Fondato nel 1996 e diretto da Flora Anna Spreafico, il coro italiano ha proposto 4 brani in lingua latina: Confitemini Domino 1 di Alessandro Costantini, Audi Filia di Gianmartino Durighello, Maria Mater Gratiae di Gabriel Fauré ed il cantico Salve Mater misericordiae.

Il coro proveniente da Colonia

Fondato nel 1989 dal Prof. Eberhard Metternich, direttore della musica della cattedrale di Colonia, e composto da 150 ragazze, il coro tedesco ha invece cantato: il gregoriano Tria sunt munera, Jubilate Deo di Colin Mawby, Laudi alla Vergine Maria di Giuseppe Verdi e O clap your hands di Douglas Coombes.

Valutazione delle esibizioni

A valutare le esibizioni dei giovani cantori era presente la Commissione Artistica Internazionale, composta da 5 membri: M° Monsignor Robert Tyrala (Polonia), M° Jean-François Duchamp (Francia), M° Jakub Martinec (Repubblica Ceca), M° Rober Michaels (Svizzera) e M° Antonio Scaioli (Italia).

L’esibizione del coro ospite

Ha poi chiuso la serata l’emozionante concerto del coro ospite Ukrainian Boys Choir “Dzvinochok”. Fondato nel 1967 Kiev, è oggi il miglior Coro Maschie Giovanile dell’Est Europa. Il direttore Ruben Tolmachov ha proposto l’esecuzione di 10 brani, tra cui uno Stabat Mater così introdotto: “Come 2000 anni fa la madre di Cristo piangeva la crocifissione del Figlio, così tante madri piangono la morte dei loro figli nella guerra che ancora oggi insanguina l’Ucraina”.

3 foto Sfoglia la gallery
Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia