Menu
Cerca

Capodanno a Lecco: domani musica “ghiacciata” per “scaldare” i cuori

In piazza Cermenati alle 22 il Comune di Lecco, in collaborazione con l’associazione Cieli Vibranti, propone un concerto unico al mondo, realizzato interamente con strumenti di ghiaccio, per aspettare insieme il 2020

Capodanno a Lecco: domani musica “ghiacciata” per “scaldare” i cuori
Cultura Lecco e dintorni, 30 Dicembre 2019 ore 16:00

Capodanno a Lecco: domani musica “ghiacciata” per “scaldare” i cuori: martedì 31 dicembre in piazza Cermenati alle 22, per aspettare insieme il 2020, il Comune di Lecco, in collaborazione con l’associazione Cieli Vibranti, propone un concerto unico al mondo, realizzato interamente con strumenti di ghiaccio.

LEGGI ANCHE Lecco: martedì 31 dicembre si festeggia Capodanno sul ghiaccio della pista di piazza Garibaldi

Il Capodanno a Lecco sarà… da brivido

Protagonista principale sarà il polistrumentista norvegese Terje Isungset, pioniere della musica del ghiaccio, che dividerà il palco con la cantante Maria Skranes e il contrabbassista Viktor Reuter, con gli interventi elettronici di Øystein Etterlid.

Strumenti realizzati su due camion freezer

Gli strumenti saranno realizzati dal liutaio del ghiaccio francese Eric Mutel, tutti potranno seguire in diretta i lavori di costruzionerealizzati su due camion freezer, ad una temperatura costante di -14 C°, su un maxischermo installato appositamente in piazza Cermenati, sede del concerto. Campane tubolari, marimba, corni, contrabbasso e altri originali strumenti di ghiaccio daranno vita ad un’atmosfera magica, con un repertorio musicale originale che restituisce tutto il fascino ipnotico dei paesaggi del Nord.

Capodanno a Lecco davvero speciale

Il virtuosismo degli interpreti e l’assoluta eccezionalità delle sfumature sonore nascoste nella superficie ghiacciata renderanno l’attesa del nuovo anno un momento speciale, non solo di festa. Il concerto sarà anche occasione per rilanciare l’attenzione sul tema del riscaldamento globale, che determinando lo scioglimento dei ghiacci compromette l’equilibrio naturale.