Cultura

Al via il progetto "Le Vie del Viandante 2.0": Lecco al centro di un circuito internazionale FOTO

Il progetto prevede anche la realizzazione di un collegamento tra Abbadia Lariana e Lecco, che sarà realizzato entro un anno.

Al via il progetto "Le Vie del Viandante 2.0": Lecco al centro di un circuito internazionale FOTO
Cultura Lecco e dintorni, 05 Settembre 2018 ore 16:18

Il progetto “Le vie del Viandante 2.0” è pronto a partire. Partner pubblici e privati si sono uniti per dar vita al sentiero che permetterà di collegare San Bernardino a Milano passando proprio per Lecco. Questo permetterà anche di realizzare un percorso a monte che consentirà il collegamento fra Abbadia Lariana e la città di Lecco.

Il progetto "Le Vie del Viandante 2.0"

“Le Vie del Viandante 2.0”, presentato dal Comune di Lecco, capofila per parte italiana, insieme alla Regione Svizzera Moesa (Cantone dei Grigioni) nell’ambito del Programma di cooperazione Interreg V-A Italia Svizzera 2014-2020, è stato ammesso e ritenuto finanziabile con un contributo complessivo di 1.426.938,00 euro per la parte italiana e di 109.887 CHF per la parte svizzera, a fronte di un budget complessivo progettuale di più di 1.720.000 euro.

Lecco al centro di un circuito internazionale

Il progetto è stato presentato oggi, mercoledì 5 settembre, a Palazzo delle Paure, in Piazza XX Settembre a Lecco. Ad aprire la conferenza il Sindaco di Lecco Virginio Brivio che ha subito manifestato l'importanza del sentiero per la città di Lecco: “Con questo progetto la città di Lecco si pone al centro di un circuito internazionale. Lo scopo è collocare un pezzo lecchese nel sentiero da San Bernardino a Milano. Attorno al sentiero deve crearsi un prodotto, un’imprenditorialità turistica”.

"Lo scopo è realizzare un'impresa turistica"

Il Vicesindaco del Comune di Lecco Francesca Bonacina è intervenuta augurandosi che fra i vari attori presenti in questo progetto ci possa essere una totale e armoniosa collaborazione: “E’ fondamentale che ci sia una collaborazione tra i partner, ma soprattutto tra pubblico e privato al fine di creare un’impresa turistica. L’auspicio è che sia un lavoro di squadra e che questa sia il più possibile ampia a livello territoriale. Sarà fondamentale l’aiuto della società Ideas, che accompagnerà i partner nel progetto".

Un progetto italiano tanto quanto svizzero

Presente anche la Svizzera con il direttore dell'ente turistico Chirstian Vigne, che ha dichiarato: “E’ bello ricominciare un cammino iniziato anni fa. Oggi grazie ai nuovi partner si può passare ad una fase ulteriore. È fondamentale, attraverso strategie di marketing, raggiungere quei mercati che abbisognano di essere guadagnati”.

Un prodotto che possa durare 30 anni

La società di consulenza Ideas e in particolare Carlo Montisci, il destination manager del progetto, e Silvia Casiraghi, financial manager, si sono mostrati molto soddisfatti del risultato ottenuto. “Sono stati due anni di lavoro intenso con una grande incognita che potesse finire in nulla quello che stavamo facendo. Le priorità di investimento erano sviluppare e realizzare nuovi modelli di attività per le PMI e noi abbiamo deciso di lanciarci sul tema del turismo. L’obiettivo è costruire un collegamento che riesca a portare un turista, e non un esperto, da San Bernardino a Piazza Duomo. Il punto più importante non sarà però costruire l’infrastruttura, ma renderla fruibile tramite diverse azioni che sono a carico sia del pubblico che del privato. Abbiamo una grande ambizione: il progetto durerà 3 anni, ma il prodotto dovrà durarne 30”.

La parola ai partners privati e ai Sindaci

Durante la conferenza sono intervenuti anche i rappresentanti dei partners privati: il vicepresidente della Comunità Montana della Valchiavenna Mauro Premerlani, il presidente delle Montagne Lago di Como Stefano Gianola e la coordinatrice di North Lake Como Claudia Fumagalli. Al termine, hanno preso parola anche il Sindaco di Bellano Antonio Rusconi e di Abbadia Lariana Cristina Bartesaghi, che si sono detti entusiasti di questo nuovo progetto.

11 foto Sfoglia la gallery