Violenza sui treni | Forze dell’ordine riunite in Prefettura a Lecco

Misure di emergenza: più polizia fuori dalle stazioni

Violenza sui treni | Forze dell’ordine riunite in Prefettura a Lecco
Cronaca Lecco e dintorni, 16 Maggio 2018 ore 17:20

L’emergenza violenza sui treni si fa sempre più stringente. Oggi l’ennesima aggressione su un convolglio della linea Lecco Milano. Non a caso ieri, in Prefettura a Lecco, si è svolto un incontro tra i vertici delle forze dell’ordine per capire come affrontare la situazione.

Summit a Lecco sulla violenza sui treni

Al summit  hanno preso parte i vertici provinciali delle forze dell’ordine, i rappresentanti della Polizia Ferroviaria di Lecco e Milano, l’assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato, l’assessore regionale ai Trasporti Claudia Maria Terzi, il dirigente ferroviario regionale Massimo Dell’Acqua, la società Trenord rappresentata dal dirigente Luigi Bagnoli e dal responsabile territoriale Carmine Amodeo e  il responsabile di Protezione aziendale, Claudio Palmizio.

Misure d’emergenza

Vista la situazione di emergenza nelle stazioni e sui convogli, Regione Lombardia, grazie alla legge regionale 6/2015 art.27, ha deciso di intraprendere i “Patti locali di sicurezza urbana” per aiutare i comuni vessati da continue aggressioni ai danni di viaggiatori e personale.

L’assessore Terzi

“La sicurezza sui treni, dei passeggeri come del personale, resta la priorità di Regione Lombardia – dichiara l’assessore regionale ai Trasporti Claudia Maria Terzi – Occorre invertire la rotta e potenziare le misure di controllo, fermo restando che esiste un problema di impunità legato alle leggi in materia e alle applicazioni delle stesse. Ci impegnamo a sollecitare Fnm affinché ponga con forza la questione al management di Trenord”.

L’assessore De Corato

“I ‘Patti locali di sicurezza urbana’ rappresentano una sperimentazione che partirà dalle stazioni e dalle tratte che evidenziano le maggiori criticità – dichiara inoltre l’assessoreregionale alla Sicurezza Riccardo De Corato– su cui ancora occorre definire nel dettaglio modalità, tempi e comuni interessati al finanziamento. Il percorso, appena cominciato, prevederà una implementazione del servizio di polizia locale fuori dalle stazioni, un incremento della sicurezza all’interno e sulle banchine, il contrasto al bivacco nei pressi esterni. Regione Lombardia, in collaborazione con le forze dell’ordine, RFI, Trenord, Comuni e Polizia Locale, ritiene che questo progetto rappresenterà uno strumento fondamentale di contrasto alla violenza, grazie anche alla regia prefettizia che vigilerà sull’intero processo”.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità