Lecco

Verso il Natale al tempo della pandemia: un Avvento tutto “casa” e “chiesa”

Don Milani: "Stiamo sperimentando insicurezza e paura, si continua a temere per la propria salute o per quella di congiunti e amici, si guarda al futuro con preoccupazione. L’incontro con il Signore Gesù che viene a visitare l’umanità in questo frangente doloroso della sua storia porta una consolazione capace di riaccendere il futuro"

Verso il Natale al tempo della pandemia: un Avvento tutto “casa” e “chiesa”
Lecco e dintorni, 20 Novembre 2020 ore 09:19

Verso il Natale al tempo della pandemia: un Avvento tutto “casa” e “chiesa”. La Comunità pastorale Madonna del Rosario che comprende le parrocchie di San Nicolò, Pescarenico e Malgrate Porto ha infatti diffuso il programma d’Avvento 2020.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL LIBRETTO DELL’AVVENTO

Verso il Natale al tempo della pandemia: un Avvento tutto “casa” e “chiesa”

Al cuore del cammino la messa domenicale, l’incontro sacramentale con l’amore di Gesù che dona la sua vita. E dalla Messa vissuta in presenza (con tutte le misure di sicurezza) partono tutti percorsi per vivere questo incontro nel quotidiano, in ogni momento della giornata. Spiega il prevosto di Lecco mons. Davide Milani: “La celebrazione dell’Eucaristia è il cuore di ogni cammino spirituale e lo sarà ancora di più nel cammino “speciale” di Avvento di questo anno. Stiamo sperimentando insicurezza e paura, si continua a temere per la propria salute o per quella di congiunti e amici, si guarda al futuro con preoccupazione. L’incontro con il Signore Gesù che viene a visitare l’umanità in questo frangente doloroso della sua storia porta una consolazione capace di riaccendere il futuro, di non scoprirci soli, di ritrovare una comunità intorno a noi, di ravvivare la possibilità di sperare.”

Carità e cultura

In questo Avvento viene anzitutto proposto di condividere questa speranza nei percorsi di carità, per accorgersi dei bisogni dei fratelli intorno a noi e nel mondo. Non c’è solo l’emergenza Covid, il rischio è che si dimentichino le antiche povertà presenti a Lecco e nei paesi poveri del mondo.
Un’altra forma di carità, come ricorda l’arcivescovo Delpini nella sua lettera per l’Avvento, è la cultura. Cultura non è erudizione, ma l’occasione per capire questo tempo, ricercare insieme il senso dell’esperienza umana, aprirsi come comunità cristiana al dialogo con tutti, percorrere la via della bellezza per ritornare a sperare. Due le iniziative proposte: il Capolavoro per Lecco “Lotto. L’inquietudine della realtà. Lo sguardo di Giovanni Frangi” e il cineforum su piattaforma digitale “C’è tutto un mondo intorno” da vivere in modo nuovo, da casa ma come comunità. Quattro film con registi, esperti, critici per riflettere sul mondo e conoscere situazioni dimenticate: le guerre in Siria e le conseguenze del conflitto nei Balcani, l’emarginazione degli anziani e dei poveri nelle nostre città.

Si pregherà da casa

Nutrito anche il percorso di preghiera: anzitutto l’appuntamento quotidiano con l’Arcivescovo Delpini e il suo “Kaire delle 20,32”: Poi la scuola di preghiera del venerdì proposta dal Santuario della Vittoria
Si pregherà da casa: ad ogni famiglia viene consegnata la lettera di Natale dell’Arcivescovo Delpini, una preghiera da recitare in famiglia e l’invito a ritirare l’acqua benedetta in chiesa per benedire la famiglia la domenica precedente il Natale. Per la catechesi e la formazione degli adulti (dalla propria abitazione, tutto online) i Gruppi di ascolto sul libro del Siracide, la catechesi settimanale del venerdì sera sulla liturgia e una proposta di riflessione il lunedì sulle parole dell’Avvento. Una particolare attenzione per i bambini e le loro famiglie e i giovani. Per loro la Comunità ha percorsi particolari e suggestivi: il catechismo online, la messa straordinaria nel pomeriggio della domenica: queste ed altre iniziative per aiutare tutti ad entrare nel mistero dell’incarnazione di Dio che si fa compagno, maestro e amico.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia