Vandali scatenati devastano tavoli, tegole e infiammano del solvente FOTO

I responsabili sarebbero giovani ragazzi e ragazze che hanno passato il sabato sera nella località di Villa d'Adda.

Vandali scatenati devastano tavoli, tegole e infiammano del solvente FOTO
Isola, 08 Luglio 2018 ore 13:39

L’area di Tassodine d Villa d’Adda questa notte, tra sabato 7 luglio e domenica 8, è stata colpita dai vandali. Moltissimi i danni riscontrati il mattino dopo, sia all’area pubblica che agli attrezzi agricoli di privati. Ma i responsabili non resteranno impuniti: le autorità e le vittime di questa bravata si sono infatti già mobilitate per andare a fondo della questione.

Vandali senza ritegno a Tassodine

Erano in tanti, sia ragazzi che ragazze. Tutti giovani, persino minorenni. E Giuseppe Magni, proprietario della cantina, del vigneto e delle case in costruzione presenti a Tassodine, li ha visti. Ieri sera, infatti, sabato 7 luglio, li aveva trovati nella località di Villa d’Adda che avevano allestito una tavolata e stavano facendo festa. Vedendo il disordine che questi avevano creato, li aveva anche invitati a riordinare tutto, ottenendo da parte loro la promessa che lo avrebbero ascoltato.

13 foto Sfoglia la gallery

La scoperta dei danneggiamenti

Il giorno dopo, domenica mattina, Giuseppe Magni, il sindaco di Villa d’Adda Gianfranco Biffi e altre persone hanno trovato a Tassodine una spiacevole sorpresa. Il tavolo di cemento presente nell’area pubblica era distrutto. Distrutte anche alcune tegole della cappelletta e della tettoia degli attrezzi, oltre che la palizzata e i vetri del magazzino. I vandali hanno inoltre tagliato (si presume con un’accetta) una pianta del bosco di dimensioni non indifferenti e nello stesso punto sono state lasciate abbandonate due panchine. Ma non è tutto: oltre a danneggiare un luogo pubblico, i ragazzini hanno procurato danni anche ad alcuni attrezzi agricoli di Giuseppe Magni. Hanno innanzitutto tolto il gasolio dal suo trattore, ma il fatto più grave è quello di aver incendiato una latta di impregnante, vicino alla quale era riposta una pinza utilizzata per spostare la legna. Strumento molto costoso quest’ultimo, che è rimasto annerito e che passerà sicuramente al vaglio dei Carabinieri per la denuncia. A questo si aggiunge pure la maleducazione di aver lasciato la spazzatura lì dove era stata allestita la tavolata, lasciando bibite e cocci di vetro dappertutto.

Magni ha dichiarato che denuncerà al più presto il fatto alle forze dell’ordine e insieme a lui il sindaco di Villa d’Adda Gianfranco Biffi si è già mobilitato per individuare i responsabili di questa barbarie.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia