Feste blindate

Ultimi giorni di zona gialla, poi per muoversi servirà l'autocertificazione CLICCA QUI PER STAMPARLA

Sarà necessaria sia in zona rossa che in zona arancione

Ultimi giorni di zona gialla, poi per muoversi servirà l'autocertificazione CLICCA QUI PER STAMPARLA
Cronaca Lecco e dintorni, 21 Dicembre 2020 ore 06:56

Oggi, lunedì 21 dicembre, inizia la settimana delle feste di Natale e iniziano anche gli ultimi tre giorni di zona gialla per i lecchesi, e per tutti il paese (anche se proprio  da oggi c'è  il divieto di uscire dalla regione).  Da giovedì,  vigilia di Natale infatti scatterà la zona rossa che rimarrà tale il 24 appunto e 25, 26, 27 e 31 dicembre e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio. Secondo il Decreto Natale saranno invece arancioni le giornate 28, 29 e 30 dicembre e il 4 gennaio. Proprio per questo motivo per spostarsi tornerà necessario giustificare il motivo di uscita. Quindi servirà  necessaria l'autocertificazione. E questo sia in zona rossa, che in zona arancione.  Indipendentemente  dalle deroghe che consentono di andare a trovare i nostri cari indipendentemente  dalla regola, che riguarda la fascia arancione, dei 5000 abitanti e 30 chilometri. Ve la ricordiamo facendovi un esempio: potranno uscire dal proprio Comune solo i residenti dei centri con 5000 abitanti. Niente da fare quindi per Lecco, Merate , Calolziocorte , Casatenovo  Valmadrera Mandello del Lario, Oggiono,  Missaglia,  Galbiate,  Colico  Olginate,  Olgiate Molgora,  Robbiate,  Verderio,  Calco,  Lomagna  e Barzanò- Anche chi potrà uscire dovrà pero rimanere nel raggio di 30 chilometri.  Lecco sarà invece meta off limits per tutti in quanto capoluogo di provincia.

LEGGI QUI Faq Decreto Natale: ecco quando ci si può spostare fuori dal proprio Comune

Decreto di Natale e spostamenti, torna necessaria l'autocertificazione

Il modello di autocertificazione CLICCA QUI PER STAMPARLO,  dovrà essere esibito durante i controlli di polizia a giustificazione degli spostamenti. Ricordiamo anche che l'autodichiarazione è anche in possesso degli operatori di polizia e può essere compilata al momento del controllo.

Cosa si rischia

In base al Dl del 16.05.2020 chi non rispetta le norme di restrizione degli spostamenti senza un legittimo motivo rischia una sanzione amministrativa che varia da 400 Euro a 3Mila Euro. Se si usa un veicolo per gli spostamenti, ad esempio se si viaggia in macchina, la sanzione può essere incrementata fino ad un terzo. Nel caso il cittadino dichiarasse informazioni false sull’autocertificazione (es. indicasse un motivo di spostamento non vero) risponderebbe a livello penale di falsa dichiarazione (art. 495 codice penale).

Pene ancora più pesanti

Rischia inoltre fino a 5 anni di carcere chi viola gli obblighi di quarantena nel caso fosse positivo al Covid19.