Tutela dei minori: le proposte di un sacerdote

Don Fortunato Di Noto, presidente di Meter Onlus, ha tenuto diversi incontri nel nostro territorio, parlando agli studenti.

Tutela dei minori: le proposte di un sacerdote
Lecco e dintorni, 26 Novembre 2018 ore 11:58

Due sono stati, di recente, gli incontri a cui don Fortunato Di Noto ha preso parte, a Lecco e a Bosisio Parini nell'ambito della rassegna "Per fare un bambino ci vuole un villaggio". Il sacerdote ha poi incontrato anche i ragazzi di Tirano e Sondrio. Gli eventi hanno tutti riguardato il delicato tema della tutela dei minori.

A Lecco e a Bosisio per la tutela dei minori

Don Fortunato Di Noto, presidente di Meter Onlus, ha di recente tenuto quattro incontri, tutti diretti agli studenti del nostro territorio.

- 5 novembre, alla Nostra Famiglia di Bosisio Parini sul tema "Non cadere nella Rete e nelle Trappole dei Lupi Digitali";

- 6 novembre con gli studenti delle scuole superiori di Lecco ospiti delI'Istituto Maria Ausiliatrice;

- 6 novembre a Sondrio sul tema “Educare alla custodia del proprio ed altrui pudore, rimedio allo sviluppo di una sessualità sregolata e violenta”;

- 7 novembre con gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “B. Pinchetti” di Tirano.

Gli appuntamenti con don Fortunato Di Noto sono stati molto frequentati e animati, da ragazzi e genitori. LEGGI ANCHE: Tour del prete anti pedofili nel Lecchese FOTO

 

L'associazione di don Fortunato Di Noto

Meter Onlus nasce ad Avola (SR) per volontà di don Fortunato Di Noto. Meter è una parola greca che significa “madre” e, in senso lato, “accoglienza e grembo”. Questo nome nasce dall’esigenza di radicare e promuovere la cultura dei diritti dell’infanzia nelle realtà ecclesiali e non. Gli obiettivi perseguiti sono tutti incentrati sulla tutela dei minori. Nella lotta alla pedofilia e alla pedopornografia online, l’associazione rappresenta un significativo punto di riferimento in Italia ed è riconosciuta in tutto il mondo come una delle massime autorità (dalla Cina al Giappone, dagli USA all’Europa) nella prevenzione del disagio infantile e nella progettazione di interventi mirati ad un aiuto concreto alle vittime degli abusi sessuali.