Cronaca
Lecco-Valsassina-Calolzio

Tentato omicidio nel bosco della droga: 25enne in carcere

Hetem Mevljan aveva sparato contro un 18enne. Un colpo a distanza ravvicinata che aveva fatto letteralmente saltare due dita al ragazzo

Tentato omicidio nel bosco della droga: 25enne in carcere
Cronaca Lecco e dintorni, 05 Settembre 2022 ore 14:42

Tentato omicidio nel bosco della droga: 25 enne in carcere. E' stato trasferito nella casa circondariale di Pescarenico a Lecco  Hetem Mevljan 25enne, originario della Macedonia, ora residente a Calolziocorte  ma già di casa a Introbio, "protagonista" della efferata aggressione avvenuta nel 2019 nel cosiddetto bosco della droga tra Lecco e Ballabio, nella zona sopra Laorca.   far scattare le manette intorno ai suoi polsi sono stati i Carabinieri calolziesi che hanno eseguito il provvedimento di carcerazione emesso  dalla Magistratura di Sorveglianza di Milano.

Tentato omicidio nel bosco della droga: 25enne in carcere

Tutto era  nel settembre  di tre anni fa quando Hetem, insieme ad un complice albanese, aveva  tentato di rapinare Ilyasse Kahir di origini marocchine, allora  18enne, che era nei boschi per spacciare droga. Hetem aveva  estratto una pistola ed esploso un primo colpo a distanza ravvicinata che aveva fatto letteralmente saltare due dita al 18enne. Vista la malparata, il marocchino aveva iniziato a correre all’impazzata nei boschi fino a raggiungere la zona sopra Laorca. Prima aveva cercato di fermare un autobus. Poi, dopo essersi avvolto la mano in una maglietta, è riuscito a salire su un secondo pullman che lo aveva  lasciato in piazza stazione a Lecco dove sono partiti i soccorsi. In ospedale Ilyasse Kahiri era  stato raggiunto dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Lecco ai quali aveva raccontato quanto successo.

I contorni del tentato omicidio

Il 18enne aveva spiegato agli agenti di aver venduto alcune dosi a due giovani, ma che dopo lo scambio di denaro e stupefacente il pusher e i due compratori erano stati avvicinati da due uomini. Pistole alla mano i rapinatori avevano intimato al terzetto di consegnare droga e contanti.

I tre si erano  subito dati alla fuga in direzioni diverse: i due tossicodipendenti erano riusciti a scappare (anche se poi sono comunque stati identificati dalle forze dell’ordine), mentre il 18enne marocchino era stato raggiunto da un proiettile che gli ha maciullato la mano.

Raccolta la testimonianza i poliziotti si erano messi al lavoro ed erano riusciti a individuare Mevljan Hetem nella sua abitazione. accusandolo di  rapina aggravata, tentato omicidio e detenzione di munizionamento di arma comune da sparo.

Era in comunità

Nel 2020 Hetem Mevljan aveva patteggiato una pena di tre anni e otto mesi quindi aveva ottenuto il  regime di in regime di Affidamento in Prova presso una comunità terapeutica del territorio, all'interno di  una comunità terapeutica del territorio. Maseguito di reiterate violazioni delle prescrizioni imposte Magistratura di Sorveglianza di Milano ha disposto la carcerazione e per il 25enne si sono aperte le porte della casa circondariale di Lecco.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter