Sottoscritto l’accordo per lo studio sul Torrente Varrone

Lario Reti Holding contribuirà per 10.000€ allo studio degli interventi a salvaguardia del reticolo idrico

Sottoscritto l’accordo per lo studio sul Torrente Varrone
Lago, 02 Dicembre 2019 ore 13:03

Il Consiglio di Amministrazione ha recentemente sottoscritto l’adesione di Lario Reti Holding all’accordo per uno studio sul Torrente Varrone. Oltre al Gestore idrico della Provincia di Lecco, tra i firmatari compaiono l’Ente capofila Comunità Montana Valsassina Valvarrone Val D’Esino Riviera, Regione Lombardia, la Provincia di Lecco, i Comuni di Casargo, Crandola Valsassina, Dervio, Introbio, Pagnona, Premana, Sueglio, Valvarrone, Vendrogno e il Consorzio Bacino Imbifero Montano del Lago di Como, Brembo e Serio.

Sottoscritto l’accordo per lo studio sul Torrente Varrone

L’obiettivo dell’accordo è quello di produrre uno studio del bacino del Torrente Varrone e degli affluenti ad esso connessi. Tale studio definirà gli interventi necessari alla sistemazione idraulica, alla riqualificazione ambientale ed alla manutenzione fluviale necessari per evitare il ripetersi di quanto accaduto la scorsa estate, con le esondazioni e le criticità idrogeologiche che hanno caratterizzato i territori attraversati dal Varrone e i suoi affluenti, danneggiando anche le infrastrutture del Servizio Idrico Integrato.

LEGGI ANCHE 

Maltempo: occhi puntati sulla diga di Pagnona e sul Varrone

Maltempo, la Provincia chiede lo stato di calamità. 1000 sfollati

Situazione drammatica: scattato l’ordine di evacuazione a Dervio. Si teme il cedimento della diga

Paura in Valle: colate di fango, strade allagate, esondato il Varrone in Alto Lago. Sospesa la circolazione dei treni FOTO E VIDEO IN DIRETTA

La cifra stanziata dagli Enti firmatari per la produzione dello studio e delle linee guida di intervento supera i 45.000 Euro e vede Regione Lombardia (20.000 Euro) e Lario Reti Holding (10.000 Euro) come principali contribuenti.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia