Silea, approvato il Bilancio. Dopo la bacchettata dell’Anac Colombo riassumerà le deleghe

L'autorità Anti Corruzione aveva congelato le deleghe dirette del presidente.

Silea, approvato il Bilancio. Dopo la bacchettata dell’Anac Colombo riassumerà le deleghe
Lecco e dintorni, 15 Giugno 2018 ore 09:33

All’unanimità l’Assemblea di coordinamento intercomunale dei Comuni Soci di Silea SpA, presieduta da Virginio Brivio, ha approvato, in occasione della seduta di ieri, giovedì 14 giugno, il Bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2017, già approvato dal CdA il 17 aprile scorso.

Silea: i dati del Bilancio

Rispetto all’anno precedente, il bilancio fa registrare una lieve diminuzione del valore della produzione (-159 mila Euro), che si assesta a  42,215 milioni di Euro. A fronte infatti di un incremento dei ricavi dell’attività di raccolta differenziata (+ 1,044 milioni di Euro), diminuiscono quelli dell’attività di smaltimento dei rifiuti (- 1,303 mila Euro), quelli dell’attività di cessione di energia elettrica (-470 mila Euro) e i proventi derivanti dal minor numero di certificati verdi (- 173 mila Euro).

Gli interventi

Invariati complessivamente i costi di produzione. Gli investimenti si assestano su circa 1 milione di Euro, principalmente riconducibili sia alle migliore tecniche sul depuratore a servizio del termovalorizzatore, sia al potenziamento del sistema di trattamento aria e abbattimento odori dell’impianto di compostaggio, sia infine alla fase progettuale del progetto di teleriscaldamento.

Gli utili

La gestione ordinaria presenta un saldo positivo di 1,666 mila Euro, in crescita rispetto all’anno precedente, mentre la gestione finanziaria, pur migliorando rispetto al 2016, presenta un saldo negativo di 600 mila Euro (era stato di 680 mila Euro nel 2016). Il bilancio chiude con un utile al netto delle imposte di Euro 661 mila. L’EBTIDA è del 22,67% (era stato del 22,22% nel 2016).

Seruso

L’Assemblea, preso atto della volontà della partecipata Seruso SpA di proporre ai Soci un’iniziativa di project financing finalizzata al revamping dell’impianto e alla gestione del servizio di selezione e smaltimento della frazione secca, che sarà presentata il 20 giugno prossimo completa di piano economico-finanziario, ha anche approvato un adeguamento statutario dell’oggetto sociale per ricondurlo allo stato di fatto, che prevede l’estensione alla proprietà dell’impianto.

Taglio del verde: no di Robbiate e astensione di Oggiono

Particolarmente vivace la discussione sulla proposta di progetto di collaborazione tra Provincia di Lecco  e SILEA SpA ,che si assume il compito di procedere all’espletamento di una procedura ad evidenza pubblica del valore di circa 100 mila Euro all’anno per 2 anni per interventi di taglio erba, potatura di mantenimento ed eventuale abbattimento di essenze arboree presso le banchine e le scarpate esistenti lungo le strade provinciali, oltre allo smaltimento dell’erba raccolta, solitamente con presenza di rifiuti. Le difficoltà economiche in cui versa attualmente la Provincia, la riduzione progressiva del personale operante su strada e la vetustà delle attrezzature di cui dispone rende sempre più problematico il mantenimento di una situazione di manutenzione del verde adeguata e rispondente ai criteri di efficienza in termini di igiene urbana. La delibera è stata approvata a maggioranza, con i voti contrari di Robbiate e l’astensione di Oggiono e Pusiano.

Il futuro di Colombo dopo la bacchettata dell’Anac

In conclusione, il vice-presidente Massimiliano Vivenzio ha aggiornato l’Assemblea sulla decisione del Consiglio di Amministrazione di SILEA SpA, condivisa dal Comitato ristretto, di procedere, dopo aver acquisito un autorevole parere legale, a riassegnare le deleghe gestionali dirette al presidente di SILEA SpA Mauro Colombo a partire dal 7 luglio prossimo, “congelate” a seguito della delibera dell’ANAC di un anno fa  che ne indicava una presunta inconferibilità. La delibera che certificava la “nullità” dell’incarico di Colombo risale al 31 maggio 2017, a seguito di un procedimento nato dopo una segnalazione del gennaio dello scorso anno  (sulla stessa lunghezza d’onda di quella inviata il a gennaio  a Silea e ai Comuni soci dal Coordinamento lecchese Rifiuti zero). La questione riguardava il fatto che Colombo era statao presidente di Seruso prima di essere nominato numero uno di silea con deleghe dirette. Il passaggio era avvenuto prima dei due anni ch prevede la legge.

L’impianto di compostaggio di Annone

Un ulteriore aggiornamento è stato presentato dal presidente di SILEA SpA Mauro Colombo relativamente al progetto di modulo anaerobico per l’impianto di compostaggio di Annone Brianza, per il quale si è in attesa di ricevere il documento definitivo. In particolare sono stati sottolineati i vantaggi ambientali ed economici della produzione di biometano che si potrà attuare ad Annone.

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia