Si è spento il papà de “La Gabbianella e il gatto”

Scomparso l'artista e fumettista ferrarese Luigi Giovanni Ferrari

Si è spento il papà de “La Gabbianella e il gatto”
10 Dicembre 2017 ore 18:10

Si è spento il papà de “La Gabbianella e il gatto”. Villasanta e tutta l’Italia intera perdono uno dei più bravi fumettisti.  Si è spento ieri, sabato, l’artista ferrarese Luigi Giovanni Ferrari. Verrà ricordato per sempre per i suoi famosissimi nanetti dei wafer Loacker e i personaggi del cartone animato che ha commosso un’intera generazione: “La Gabbianella e il Gatto”.

La sua storia

Dopo la frequentazione dell’Istituto d’Arte Dosso Dossi di Ferrara, tra i cui maestri figuravano, Virgili, Orsatti e Milani, l’artista ha iniziato fuori sede una carriera di grafico pubblicitario che, nel tempo, l’ha portato a collaborazioni con artisti del calibro dei fratelli Pagot, di Bruno Bozzetto, artisti ricordati e celebrati qualche anno fa al Future Film Festival di Bologna.

Come dimenticare il mitico “Carosello”

I mitici Caroselli, gli spots dei primordi della Tv italiana, geniali opere d’arte visiva della durata di una manciata di minuti, argute, frizzanti, visti i nomi degli autori di cui sopra, lo videro al lavoro ed i suoi contributi son durati fino a pochi anni fa, tanto che il suo nome compare nei credits de” La gabbanella e il gatto”, gran successo del 1998 del regista Enzo d’Alò, tratto dal libro quasi omonimo di Louis Sepúlveda.

Ha tentato di cimentarsi anche nella tecnica dell’acquarello

Ma come tutti i veri artisti, sempre alla ricerca di se stessi, nel rinnovamento e trasformazione di ogni evento vitale – esperienziale. Ferrari ha ‘deciso’ qualche anno fa, di tentare la tecnica dell’acquarello, da sempre tra le più difficili, anche per l’autore più smagato.

I funerali si svolgeranno a Villasanta presso la chiesa parrocchiale di Sant’Anastasia domani, lunedì 11 dicembre, alle ore 14,30

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia