Menu
Cerca
Lecco

Servizi cimiteriali e relazioni con le imprese funebri del territorio: nuove disposizioni del Comune di Lecco

Misure introdotte a tutela lavoratori del Comune, delle aziende e delle famiglie

Servizi cimiteriali e relazioni con le imprese funebri del territorio: nuove disposizioni del Comune di Lecco
Cronaca Lecco e dintorni, 02 Aprile 2020 ore 10:23

Servizi cimiteriali e relazioni con le imprese funebri del territorio: nuove disposizioni del Comune di Lecco. Le istanze per le autorizzazioni alla sepoltura e per l’esercizio delle ulteriori funzioni in materia cimiteriale da parte dei soggetti aventi titolo devono essere presentate, anche tramite le imprese di onoranze funebri, a mezzo posta elettronica certificata al seguente recapito: demografici@pec.comunedilecco.it. Basta un solo messaggio di posta elettronica certificata per avviare il procedimento unico comprensivo di sepoltura e trasporto e, in caso di morte in abitazione privata, con l’istanza di avvio è necessario trasmettere l’accertamento di morte del medico necroscopo.

LEGGI ANCHE Coronavirus: i dati nella nostra provincia Comune per Comune

Servizi cimiteriali e relazioni con le imprese funebri del territorio: nuove disposizioni del Comune di Lecco

Questo è il frutto dell’accordo preso martedì 31 marzo, in videoconferenza, dal Comune di Lecco con le imprese di onoranze funebri del territorio comunale (Onoranze Funebri Galli di Galli Alberto & C Snc, Ferranti Onoranze Funebri Srl e Vallini e Castagna Servizi Funebri Lecchesi Srl) per una procedura che dovranno seguire tutte le imprese che si rivolgono all’ufficio cimiteriale di Lecco.

Il Comune di Lecco formerà gli atti digitalmente e invierà i provvedimenti e le comunicazioni procedimentali a mezzo posta elettronica certificata al medesimo indirizzo dal quale è pervenuta l’istanza o ad altro indirizzo PEC esplicitamente indicato. In caso di trasporto fuori dal territorio comunale il provvedimento è comunicato anche all’impresa incaricata al trasporto e all’autorità territorialmente competente. In ogni caso la riproduzione

analogica del provvedimento con la relata di PEC è esibita dall’incaricato del trasporto al Comune di destinazione o all’autorità territorialmente competente nonché alla polizia amministrativa e agli ufficiali e agenti di pubblica sicurezza che ne facessero richiesta durante il percorso.

La misura organizzativa prende le mosse anche da una recentissima circolare congiunta di ANCI e UTILITALIA (la federazione delle aziende operanti nei servizi pubblici dell’acqua, dell’ambiente, dell’energia elettrica e del gas, rappresentandole presso le Istituzioni nazionali ed europee), è finalizzata a semplificare l’attività cimiteriale, non aggravare il disagio dei cittadini e delle famiglie colpite da eventi luttuosi in questo periodo di emergenza e diminuire i “contatti sociali” particolarmente rischiosi nel settore funebre-cimiteriale, a tutela quindi sia dei lavoratori del Comune, sia degli operatori delle imprese di onoranze funebri in funzione dell’evolversi della situazione epidemiologica.

“Le disposizioni adottate hanno ricadute positive sull’organizzazione del lavoro e sugli adempimenti che le imprese funebri, che abbiamo coinvolto nella definizione delle nuove procedure, devono rispettare – sottolinea l’assessore ai servizi istituzionali e generali e all’innovazione tecnologica Lorenzo Goretti. Questo provvedimento non solo trova spazio nell’ambito delle misure adottate per fronteggiare questa emergenza sopra dettagliate, ma anche si inserisce nell’ottica di una più ampia riorganizzazione del servizio e dell’intero distema di gestione informatica del Comune”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli