Menu
Cerca
Merate

Sempre meno positivi in città, ma il virus miete un'altra vittima

"Oltre la metà della popolazione ha già ricevuto almeno la prima dose di vaccino"

Sempre meno positivi in città, ma il virus miete un'altra vittima
Cronaca Meratese, 07 Giugno 2021 ore 11:38

Sempre meno positivi a Merate, ma il virus miete un'altra vittima. Ad essere stroncato nei giorni scorsi a causa delle conseguenze del Coronavirus è stato l'avvocato ed ex consigliere comunale Alessandro Patti, scomparso a 63 anni. Una perdita per tutta la comunità e per la famiglia del legale alla quale si è rivolto il sindaco di Merate Massimo Panzeri esprimendo le condoglianze a nome dell'intera Amministrazione.

Sempre meno positivi a Merate, ma il virus miete un'altra vittima

La scomparsa del 63enne porta a 48 il numero dei meratesi scomparsi dopo aver contratto il Covid dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Un numero doloroso che evidenzia le sofferenze patite dalla comunità a causa del virus e sebbene la situazione oggi sia in netto miglioramento, sarà impossibile cancellare dalla memoria di tutti quanto accaduto in questo terribile anno e mezzo.

1010 i meratesi che hanno contratto il Covid dall'inizio della pandemia e di questi 939 sono guariti, 13 negli ultimi giorni. Gli attuali positivi a Merate sono 23, 13 in meno rispetto all'ultimo aggiornamento fornito dal primo cittadino in merito alla situazione epidemiologica. Calano anche le persone sottoposte ala sorveglianza domiciliare: 5 i residenti ad oggi in quarantena (26 in meno di una settimana fa) e di questi  due hanno meno di 20 anni.

Prossimi all’obiettivo “Covid Free”

"Siamo prossimi all’obiettivo “Covid Free”, ovvero zero soggetti positivi, che auspichiamo di raggiungere quanto prima - sottolinea il sindaco Panzeri - Oltre la metà della popolazione ha già ricevuto almeno la prima dose di vaccino, contribuendo a far sì che la nostra Provincia abbia tra le più alte percentuali di somministrazioni nella Regione Lombardia".

Cambia il coprifuoco

"Da questa sera il coprifuoco è differito alla mezzanotte - ricorda inoltre il primo cittadino -  segno anch’esso di un progressivo ritorno alla normalità, che non deve però far abbandonare comportamenti responsabili oltreché, aggiungo, rispettosi della quiete altrui"