Scritta omofoba in ospedale: «Via di qua lesbica» e scatta la denuncia

Polemica infuocata nella Lega sulle parole di Giovanni Pasquini che ha parlato di "lobby criminali come quelle degli Lgbt". Duro l'ex sindaco Roberto Paolo Ferrari

Scritta omofoba in ospedale: «Via di qua lesbica» e scatta la denuncia
Lecco e dintorni, 14 Ottobre 2019 ore 16:09

«Fuori di qua lesbica!». Quando Sabrina Di Biase, 34 anni ha trovato la scritta sul suo armadietto, negli spogliatoi dell’ospedale Manzoni di Lecco, un tuffo al cuore lo ha avuto. E forse, ma lei non lo ammette, ha dovuto anche trattenere le lacrime.

Scritta omofoba in ospedale: «Via di qua lesbica» e scatta la denuncia

Lei, mamma di quattro figli e una relazione turbolenta alle spalle, ha scoperto di essere lesbica solo un anno fa. E ad aprile ha incontrato l’amore della sua vita con il quale convolerà a nozze il prossimo anno. La dipendente della struttura ospedaliera di Lecco, è stata più volte bersaglio  di frasi omofobiche. L’ultima offesa ha passato il segno, con un vero e proprio atto vandalico. «E’ un fatto increscioso – dice il sindacalista Massimo Coppia della Uil – Stiamo valutando nuove strategie per la lotta alla discriminazione sofferta da chi è più debole nei posti di lavoro». «Sono sconvolto da tanta assurda cattiveria. E’ sempre triste constatare che ancora oggi, nel 2019 esistono situazioni come queste» commenta  Mauro Pirovano, presidente dell’associazione «Renzo e Lucio».

Ferrari contro Pasquini

Ma quello avvenuto all’ospedale non è stato l’unico inquietante caso di violenza verbale contro gli omosessuali  avvenuto nel Lecchese la scorsa settimana. «Se per assenza di libertà di stampa intendi che lobby criminali come quelle degli Lgbt non possono far propaganda di un pensiero malato e contro natura hai ragione: veramente scandaloso che si protegga e si sostenga la famiglia tradizionale». La frase è di  Giovanni Pasquini, segretario della sezione Brianza Lecchese «Gianfranco Miglio».  Parole che l’ex sindaco di Oggiono, anche lio leghista, Roberto paolo Ferrari Roberto Ferrari non ha esitato a definire  «aberranti, che non rispecchiano il pensiero del movimento».

Tutti i particolari sul Giornale di Lecco in edicola dal 14 ottobre  2019 (Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Lecco” dallo store).

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia