Elezioni 2020

La proposta del candidato Fumagalli (M5S): “Valorizziamo la Valle del Gerenzone”

"La Valle del Gerenzone deve essere valorizzata e restituita ai lecchesi per fare in modo che diventi una risorsa per l'intera città"

La proposta del candidato Fumagalli (M5S): “Valorizziamo la Valle del Gerenzone”
Lecco e dintorni, 10 Agosto 2020 ore 10:55

“La Valle del Gerenzone deve essere valorizzata e restituita ai lecchesi per fare in modo che diventi una risorsa per l’intera città”. Tra i progetti contenuti nel programma di Silvio Fumagalli (candidato Sindaco del MoVimento 5 Stelle a Lecco) c’è anche quello di rimettere in sesto ampie porzioni di territorio che versano in stato di abbandono dagli Anni Ottanta ma che in passato erano sede strategica dell’industria lecchese.

“Abbinare la produzione di energia da fonte rinnovabile con il recupero di passeggiate nel verde”

“La Valle del Gerenzone fa parte della storia dell’industrializzazione della città di Lecco. Lungo il torrente Gerenzone (ma anche lungo il Caldone) vorremmo installare centrali micro-idroelettriche ad impatto ambientale nullo utilizzando tecnologie ‘a gravità’, come la vite di Archimede e le ruote idrauliche, ricostruendo percorsi storici. Con interventi mirati e innovativi, riusciremmo ad abbinare la produzione di energia da fonte rinnovabile con il recupero di passeggiate nel verde immerse in luoghi che hanno scritto la storia di Lecco”, dichiara Silvio Fumagalli.

M5S punta sulle energie rinnovabili

Uno degli obiettivi principali del MoVimento 5 Stelle Lecco, è quello di puntare sulle energie rinnovabili. “In generale favoriremo tutte le iniziative finalizzate alla produzione di energia prodotta da piccoli impianti idroelettrici, utilizzando e valorizzando le peculiarità del nostro territorio per l’utilizzo di tale tecnologia. Naturalmente sceglieremo solo installazioni ad impatto ambientale nullo. In zona Acquate, per esempio, vorremmo realizzare una piccola centrale mini-hydro da realizzarsi su acqua già derivata e canalizzata nelle condotte acquedottifere attraverso l’uso di impianti idonei ed omologati per l’utilizzo con acqua potabile”, conclude Silvio Fumagalli.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia