Perde le chiavi dell’auto e finge di essere stato aggredito. 21enne nei guai

Il ragazzo ora deve rispondere di simulazione di reato

Perde le chiavi dell’auto e finge di essere stato aggredito. 21enne nei guai
09 Ottobre 2017 ore 14:55

La “paura” del fratello lo ha spinto a commettere un’azione assurda, e ora un 21enne comasco è finito nei guai. Sì perchè il giovane che sabato sera ha dichiarato di essere stato aggredito, ora è stato denunciato per  procurato allarme e simulazione di reato. Ma cosa è successo esattamente?

Finge di essere stato aggredito

Sono le 23.30  sabato scorso quando un 21enne residente a Castelmarte in provincia di Como  contatta  il Pronto Intervento della Compagnia Carabinieri di Merate. Ai militari dice che pochi minuti prima, mentre si trovava nei pressi del campo di motocross di Bosisio Parini, era stato percosso da tre persone. Non solo ma scende addirittura nei particolari. Dice che i suoi aggressori erano  nordafricani che lo avevano colpito in testa con un sasso per rubargli la macchina.

L’intervento dei militari

A quel punto i militari di Cremella  si precipitano sul posto per avviare le indagini. Peccato che fin dal primo istante i carabinieri rilevano alcune anomalie.  Basta infatti una breve ispezione della zona per ritrovare l’auto del comasco parcheggiata e chiusa a chiave. Non solo ma il 21 viene sottoposto alla visita dei medici del Pronto soccorso dell’ospedale di Erba che non riscontrano alcuna lesione.

La confessione incredibile

Solo dopo essere stato messo di fronte alle  incongruenze il giovane ammette  di essersi inventato l’aggressione. Il motivo? Nel recarsi in Bosisio Parini, in una zona notoriamente frequentata da soggetti dediti al consumo di stupefacenti, aveva smarrito le chiavi dell’auto che gli aveva prestato il   fratello e non sapeva come giustificarsi con i propri familiari.

 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia