Lario e Adda in secca, una "nuova scienza" per risolvere il problema FOTO

E' necessario trovare una soluzione al più presto perchè il Lario e l'Adda non sono mai stati così asciutti.

Lario e Adda in secca, una "nuova scienza" per risolvere il problema FOTO
06 Agosto 2018 ore 16:48

Solo una scienza può trovare una soluzione alla drammatica situazione dei livelli delle acque del Lario e dell’Adda.

La scienza: la soluzione dell'onorevole Butti

L’onorevole Alessio Butti ha proposto a Regione Lombardia e ai competenti Ministeri di affidare a Politecnico, Università degli Studi e Consorzio dell’Adda uno studio specifico con lo scopo di predisporre una piattaforma gestionale e di pianificazione regionale che sia patrimonio di tutti.

Un problema e una soluzione condivisa da tutti

“Mi sono accorto che rispetto a quasi dieci anni fa tutto è ancora non solo in fase embrionale, ma avvolto da grande confusione che non depone a favore di una soluzione definitiva del problema della regolazione delle acque del Lario e della gestione delle risorse idriche del Fiume Adda - ha spiegato Butti - Per non essere , tra ulteriori dieci anni, ancora al punto di partenza, problema e soluzione devono essere patrimonio condiviso da tutti”.

Una questione dibattuta in Parlamento

La questione è stata dibattuta da Butti in sede di commissione parlamentare, principalmente con il ministro dell’ambiente Sergio Costa e con alcuni sottosegretari del Ministero delle Infrastrutture. L’onorevole comasco però è sfavorevole al modello “di tavolo dei portatori di interesse” del lago Maggiore suggeritogli dal ministro delle infrastrutture: "E’ un tavolo solo pubblico, mentre per noi è indispensabile aprire ai privati, altrimenti non ci sarà mai una valutazione condivisa e il modello gestionale resterà ancorato a logiche vetuste che non sono più in grado di rispondere in tempi rapidi attesi dai cambiamenti climatici e alle emergenze, di varia natura, che si affastellano velocemente".

Tutti i particolari sul Giornale di Lecco in edicola da oggi, lunedì 6 luglio. Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Lecco” dallo store.

9 foto Sfoglia la gallery