Olginate, un premio speciale per l'ex bibliotecario Giuseppe Fumagalli

Il sindaco Passoni: "È sempre stato capace di dare il libro giusto alle persone giuste nel momento più adattato"

Olginate, un premio speciale per l'ex bibliotecario Giuseppe Fumagalli
Lecco e dintorni, 20 Ottobre 2018 ore 12:00

Il consiglio comunale di Olginate nella serata di ieri, giovedì 19 ottobre, ha voluto tributare un momento speciale allo storico bibliotecario ed ex dipendente comunale Giuseppe Fumagalli, che è andato in pensione lo scorso agosto.

Un regalo speciale

Il sindaco Marco Passoni ha consegnato a Giuseppe una targa speciale con incisa la frase “Sono cresciuto in mezzo ai libri, facendomi amici invisibili tra le pagine polverose di cui ho ancora l’odore sulle mani”, tratta da “L’ombra del vento” di Carlos Ruiz Zafon. Inoltre la giunta ha voluto regalare anche all'ex dipende comunale una vecchia macchina da scrivere conservata da tempo immemore in uno degli uffici comunali

Passoni: "Ognuno ha ricordi personali di Giuseppe"

"Ognuno ha dei ricordi personali di Giuseppe - ha detto il sindaco Passoni - Pensando a lui in questi giorni mi è venuto in mente, quando ho ricominciato a leggere e mi ha consigliato il libro Jack Frusciante è uscito dal gruppo di Enrico Rizzi. Giuseppe ha sempre avuto un attenzione particolare per tutti ed è sempre stato capace di dare il libro giusto alle persone giuste nel momento più adattato. Un grande grazie a lui da parte di tutta l'amministrazione"

Un ringraziamento anche da parte di Paola Viganò, ultimo assessore alla partita prima del conferimento della delega al giovane Davide D’Occhio. "Giuseppe ha creato un clima molto familiare e una dimensione quasi da salotto nella biblioteca. Grazie di cuore soprattutto per questo aspetto molto umano". Un saluto anche dal capogruppo Antonio Sartor: "Abbiamo incominciato insieme questa avventura che è stata molto bella perché Giuseppe è riuscito ad interpretare al meglio il modo di utilizzare la biblioteca e aprirla a tutti. All’inizio ero un po’ scettico di fronte all’idea di consegnare le chiave della biblioteca ad un geometra, ma non avremmo potuto fare una scelta migliore"

4 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter