Fiato sospeso

Nuovo Dpcm, stasera Conte in diretta comunicherà le nuove misure

Alle 18 la diretta con il Presidente del Consiglio per conoscere le nuove misure, a distanza di cinque dall'ultimo decreto. Ecco che cosa aspettarsi.

Nuovo Dpcm, stasera Conte in diretta comunicherà le nuove misure
18 Ottobre 2020 ore 16:04

Dopo cinque giorni dalla firma dell’ultimo Dpcm uno nuovo in arrivo. Diverse le indiscrezioni dei giorni scorsi e le anticipazioni sulle misure in discussione. Stasera, parola al Presidente del Consiglio.

 

Nuovo Dpcm, stasera parla Conte

Sul giornale online primasaronna.it si ricorda che l’appuntamento è alle 18. In collegamento nazionale, il Presidente del Consiglio farà il punto della situazione Covid in Italia e delineerà le nuove misure chieste agli italiani nella speranza di arginare il contagio. Come ormai scontato, nei 5 giorni di valenza dell’ultimo Dpcm non ci sono stati benefici “tangibili” (del resto, come si ripete da maggio, servono alcune settimane per poter misurare l’efficacia dei provvedimenti) ma l’impennata della curva dei casi positivi e la salita dei ricoveri, seppur lontana da maggio, avrebbe convinto l’Esecutivo a scelte più rigorose.

Le indiscrezioni

Delle tante anticipazioni trapelate nei giorni scorsi alcune troverebbero già conferma. Tra queste, l’obbligo di smart working al 75% (o 70%) per le Pubbliche Amministrazioni e la raccomandazione alle aziende private di fare lo stesso e lo stop a sagre e fiere. Vietate anche le riunioni in presenza. Sembra sfumata dopo una lunga discussione l’ipotesi di una quarantena alle 22 o alle 23, in forza invece dell’obbligo di chiusura alle 24 per ristoranti, bar e locali (come già è in Lombardia) con divieto di vendita non al tavolo dalle 18. Non ancora definito invece il limite a sei persone per ogni tavolo.

Sport: questione aperta

Sullo sport la discussione sembra ancora non conclusa. Si starebbe valutando se estendere a tutto il Paese lo stop agli sport di contatto anche dilettantistici come fatto dalla Lombardia (restringendo quindi le norme del precedente Dpcm) mentre sembra esclusa la possibilità di restrizioni particolari a seconda dell’indice di contagio delle singole regioni. Ancora aperto il nodo palestre e piscine: le prime ipotesi nei giorni scorsi hanno fatto alzare la voce alle imprese del settore che dalla primavera hanno investito risorse non indifferenti per adeguare strutture e protocolli al fine di garantire accesso e pratica in sicurezza. Queste, dalla loro, avrebbero anche l’assenza finora di focolai sviluppatisi o diffusisi all’interno delle strutture.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia