Covid-19

Monsignor Delpini prosegue la quarantena senza sintomi. Molti i messaggi di affetto

Domani l'Arcivescovo non potrà presiedere la tradizionale Messa per la Festa di San Carlo Borromeo. A presiedere la celebrazione eucaristica sarà Mons. Giuseppe Merisi, già vicario episcopale della zona pastorale di Lecco

Monsignor Delpini prosegue la quarantena  senza sintomi. Molti i messaggi di affetto
Lecco e dintorni, 03 Novembre 2020 ore 13:01

Dopo la positività riscontrata al Covid-19 nel pomeriggio di venerdì 30 ottobre, l’Arcivescovo di Milano, Monsisgnor Delpini, prosegue il periodo di isolamento previsto dai protocolli. Le sue condizioni di salute continuano a essere buone, senza sintomi particolari. “Monsisgnor Mario Delpini vive questo momento in un clima di preghiera e con serenità, seppure con il dispiacere di non poter partecipare alle celebrazioni e agli impegni pubblici previsti” fanno sapere dalla diocesi.

Monsignor Delpini prosegue la quarantena senza sintomi. 

In particolare, l’Arcivescovo non potrà presiedere la tradizionale Messa per la Festa di San Carlo Borromeo, prevista per domani alle 17.30 in Duomo. A presiedere la celebrazione eucaristica sarà Mons. Giuseppe Merisi, Vescovo emerito di Lodi, già Vescovo ausiliare nella Diocesi di Milano e  anche  vicario episcopale della zona pastorale di Lecco. Mons. Merisi ricorda il XXV° anniversario di ordinazione episcopale, avvenuta il 4 novembre 1995 nel Duomo di Milano.

Molti i messaggi di affetto

A mons. Delpini sono arrivate nei giorni scorsi diverse testimonianze di affetto e vicinanza: messaggi di persone singole – tra cui i vescovi della Lombardia e altri presuli, ma anche semplici fedeli – e di gruppi o associazioni, come l’Azione Cattolica Ambrosiana.

«In questi giorni – afferma il Vicario generale, mons. Franco Agnesi – anche noi vescovi ausiliari, vicari episcopali, responsabili di servizi e uffici diocesani, abbiamo cercato di esprimergli vicinanza e affetto; la stessa vicinanza affettuosa che molte persone incontrate nelle celebrazioni ci chiedono di comunicargli, insieme con il ricordo nella preghiera. Lo hanno sentito presente durante i mesi difficili del lockdown, e ora desiderano ricambiare. Dico “abbiamo cercato” perché l’Arcivescovo accoglie i nostri sentimenti con sincera gentilezza ma gli interessa di più sapere come stanno i preti malati, le comunità che visitiamo e le persone che avrebbe dovuto incontrare. Così è fatto – e ne siamo grati – il nostro vescovo».

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia