Menu
Cerca

Misure anti smog attive a Lecco: ecco le strade escluse e le deroghe

Ecco tutte le mappe delle strade percorribili

Misure anti smog attive a Lecco: ecco le strade escluse e le deroghe
Lecco e dintorni, 28 Ottobre 2019 ore 09:20

 

Anche a Lecco in vigore le misure antismog decise da Regione Lombardia: prescrizioni e divieti per i veicoli e gli impianti termici. Inoltre il servizio MOve-In. 

La qualità dell’aria purtroppo, negli ultimo giorni è peggiorata come dimostra la cartina di Arpa, ma anche a Lecco ci saranno strade percorribili. Ecco quindi tutte le indicazioni del Comune di Lecco.

Anche a Lecco in vigore le misure antismog

In attuazione dell’accordo firmato nel 2017 con le Regioni Emilia Romagna, Piemonte, Veneto e con il Ministero dell’Ambiente, Regione Lombardia ha definito misure di contrasto all’inquinamento atmosferico nel breve, medio e lungo periodo, in tre linee di intervento: riscaldamento, spandimenti in agricoltura e contrasto alle emissioni di polveri sottili e inquinanti generati dal traffico dei veicoli.

LEGGI ANCHE Stop ai diesel euro 3. Cosa cambia nei comuni lecchesi e le deroghe


Limitazioni permamenti indipendenti dai livelli di inquinamento

Dal 1° ottobre 2019 sono vigenti, ed estese a tutto l’anno, le limitazioni per i veicoli Euro 3 diesel, in aggiunta alle limitazioni già attive negli anni passati per i veicoli diesel fino a Euro 2 e benzina Euro 0.
I veicoli diesel Euro 3 non possono più circolare durante il giorno dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 19.30.

Uteriori misure permanenti

A seguito della sottoscrizione dell’Accordo del Bacino Padano sono state stabilite nuove disposizioni per l’installazione e l’utilizzo dei generatori di calore a biomassa legnosa e per la combustione in loco di residui vegetali agricoli e forestali (divieto di combustione dal 1° ottobre al 31 marzo di ogni anno)

Limitazioni temporanee di primo livello

Scattano dopo 4 giorni consecutivi di PM10 elevato e si aggiungono alle limitazioni permanenti già in vigore:

Limitazioni temporanee di secondo livello

Scattano dopo 10 giorni consecutivi di PM10 elevato e si aggiungono alle limitazioni di primo livello già in vigore

Ulteriori provvedimenti per il miglioramento della qualità dell’aria

Servizio Move-In

Il proprietario di un veicolo che rientra nelle categorie soggette a limitazioni può aderire al servizio Move-In (MOnitoraggio VEicoli INquinanti), che consente di ottenere una deroga alle limitazioni della circolazione di durata annuale, salvo esaurimento dei chilometri concessi, a seguito dell’installazione di una “scatola nera” sull’autoveicolo, che trasmette una serie di dati sulle percorrenze e sullo stile di guida a una piattaforma informatica gestita dalla società regionale ARIA SpA.
La deroga non si applica in caso di attivazione delle misure temporanee.

In aggiunta, nel territorio comunale di Lecco è sempre vietato sostare con il motore acceso (veicoli elettrici esclusi) ed è vietato ai gestori degli esercizi commerciali di mantenere aperte le porte di accesso ai locali con gli impianti di riscaldamento accesi

Le strade escluse

A Lecco, così come nelle altre città interessate dalle prescrizioni descritte, le limitazioni saranno evidenziate da segnaletica verticale del tipo di quella sopra riportata. Mentre per consentire alle persone che lavorano e studiano in città di parcheggiare e raggiungere le rispettive mete, come lo scorso anno restano escluse dal divieto le tratte descritte di seguito e nelle mappe sotto riportate.


La direttrice SS 36 Dir – Ospedale – pronto Soccorso con le seguenti strade percorribili: via Filanda da uscita attraversamento a pronto soccorso e ritorno, via Dell’Eremo da uscita attraversamento fino a parcheggio ospedale e da parcheggio ospedale fino a intersezione con via Belfiore e ritorno in attraversamento (mappa 1).

La direttrice SS36 Dir – uscita via Ai Poggi / Piani D’Erna con le seguenti strade percorribili: via Ai Poggi, da uscita SS 36 Dir a via Prealpi, e via Prealpi fino a parcheggio funivia Piani d’Erna e ritorno (mappa 2).

La direttrice Sondrio – Malgrate e ritorno con le seguenti strade percorribili: lungo Lario Piave, lungo Lario IV Novembre, lungo Lario Cadorna, lungo Lario Battisti, lungo Lario Isonzo, via Leonardo da Vinci, ponte Kennedy (mappa 3).

Le direttrice Bergamo – Lecco, Bergamo – Valsassina e ritorno: i veicoli provenienti da Bergamo – Vercurago, per raggiungere il centro città dovranno percorrere corso Bergamo, il cavalcavia della SP 639, piazza della Nazioni, viale Brodolini, viale Don Ticozzi, la rampa di accesso alla SS 36 in direzione Lecco e utilizzare le uscite «Lecco centro» e «Ultima uscita Lecco» oppure prendere la SS 36 Dir. per dirigersi all’ospedale o in Valsassina (mappa 4).


Le direttici Milano- Lecco / Bergamo – Lecco/ Valsassina – Lecco: i veicoli in arrivo a Lecco dagli sbocchi della SS 36 su via Balicco potranno parcheggiare nelle aree di sosta ivi esistenti, per riprendere la SS 36 dovranno percorrere via XI Febbraio, largo Caleotto, via Marconi, via Fiandra e via Pergola, fino rampa di accesso alla SS 36 direzione Milano – Pescate e alla SS 36 Dir direzione Valsassina. Per riprendere la direttrice Lecco – Sondrio dovrà invece essere seguito il percorso riportato nella mappa 5.

La direttrice ( Lecco / SS36 Sondrio) con le seguenti vie percorribili: via Balicco (Centro Commerciale Meridiana), via XI Febbraio, via Papa Giovanni XXIII, via Montanara, via Pasubio, via Aldo Moro fino a ingresso attraversamento San Martino.

Riconfermate infine anche tutte le limitazioni previste in materia di utilizzo degli impianti termici e dei generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (stufe e caminetti) con l’ulteriore introduzione del divieto di nuova installazione di generatori di calore alimentati da biomassa legnosa, stufe a pellet, caminetti e stufe a legna con prestazioni emissive inferiori alla classe “quattro stelle” a partire dal 1° gennaio 2020. L’utilizzo di generatori di calore di classe “tre stelle” sarà pertanto consentito solo entro e non oltre il 31 dicembre 2019. Opportuno è ricordare inoltre che già dal 1° ottobre dello scorso anno era stato esteso a tutto l’anno l’obbligo di utilizzo di pellet di qualità, conforme alle classe A1, nei generatori di calore a pellet di potenza termica nominale inferiore ai 35 kw.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito di Regione Lombardia oppure contattare il corpo di polizia locale al numero 0341 481343 (Move-In) o il servizio ambiente al numero 0341 481312 (impianti termici e combustione all’aperto).

Condividi