Massi caduti a Calolzio sopralluogo dell’assessore FOTO

Mazzoleni:" La zona è purtroppo instabile e lo dimostrano purtroppo i diversi episodi di distaccamento"

Massi caduti a Calolzio sopralluogo dell’assessore FOTO
06 Novembre 2017 ore 15:30

Dopo i massi caduti a Calolzio, oggi  sopralluogo dell’assessore Sonia Mazzoleni a Lorentino per monitorare la situazione.

Massi caduti: è successo ieri

Ieri un sasso del diametro di 60 centimetri si è staccato dalla parete rocciosa ed è finito sulla via per Sopracornola a Calolziocorte.  Il masso  ha preso velocità e poi ha “rimbalzato” sull’asfalto concludendo la corsa nel giardino di un’abitazione limitrofa.

3 foto Sfoglia la gallery

 

Il sopralluogo

“Il masso si è staccato a circa 200 metri di distanza” ha spiegato l’assessore Mazzoleni al termine del sopralluogo facendo riferimento al luogo. “Il materiale che si è staccato è  di  ciraca 2 metri cubi. La zona è purtroppo instabile e lo dimostrano purtroppo i diversi episodi di distaccamento”. La strada rimane comunque aperta.

Tragedia sfiorata

“Si può proprio dire che è stata sfiorata la tragedia. Il sasso, prendendo velocità ha percorso un tratto di almeno un centinaio di metri. E meno male che nemmeno nel giardino di quella casa vicina non vi era nessuno in quel momento. La segnalazione è stata inoltrata da parte dei residenti della zona ai Vigili del Fuoco che hanno bonificato la parte rocciosa e portato via altri sassi pericolanti più piccoli”.

Sul caso interviene il Codacons

“Fortunatamente per questa volta la caduta massi non ha comportato danni a persone e cose, ma il Comune cosa fa?” Questa la denuncia del Codacons.  Il Comune deve avere un ruolo attivo sul territorio, anche per quanto riguarda la messa in sicurezza delle pareti rocciose, soprattutto quelle a rischio di distacco di pietre e massi di dimensioni consistenti”.

L’appello al sindaco

“Il Codacons diffida il Sindaco di Calolziocorte: è necessario intervenire immediatamente  per la messa in sicurezza di tutta la parete rocciosa con urgenza e verificare tutte le pareti presenti nel Comune, al fine di salvaguardare la sicurezza di pedoni, automobilisti e ciclisti, e per scongiurare un’altro smottamento si trasformi in tragedia”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia