Il caso

Manifestazione no vax e no green pass sotto casa del sindaco, solidarietà al collega da Gattinoni

"Ancora una volta i sindaci, in quanto istituzioni più prossime ai cittadini, diventano il bersaglio ed il parafulmine delle tensioni sociali"

Manifestazione no vax e no green pass sotto casa del sindaco, solidarietà al collega da Gattinoni
Cronaca Lecco e dintorni, 30 Luglio 2021 ore 16:06

Manifestazione no vax e no green pass sotto casa del sindaco, solidarietà al collega di Pesaro Matteo Ricci  dal primo cittadino di Lecco Mauro Gattinoni.

Manifestazione no vax e no green pass sotto casa del sindaco, solidarietà al collega da Gattinoni

"Cinquecento sindaci ( e tra questi quello di Lecco) hanno scritto al primo cittadino di Pesaro e presidente di Ali per esprimere solidarietà dopo quanto accaduto la scorsa notte a Pesaro, sotto la sua abitazione. Una manifestazione No-Vax e No green pass di decine di persone, in pieno centro storico, ad urlare, inveire e prendersela con il sindaco, al momento fuori città per impegni associativi. A farne le spese, incredula e spaventata, la sua famiglia". Lo ricorda in una nota Ali, autonomie locali italiane, di cui Matteo Ricci è presidente.

"Sindaci  bersaglio e il parafulmine delle tensioni sociali"

"Ancora una volta i sindaci, in quanto istituzioni più prossime ai cittadini, diventano il bersaglio ed il parafulmine delle tensioni sociali", viene sottolineato da Ali. "La campagna per la vaccinazione e l'obbligo del Green Pass per accedere a determinati spazi e servizi è sacrosanta e le sindache e i sindaci sono tutti in prima linea con Ricci per sostenerla. Chiediamo che tutte le Istituzioni, compatte e unite, si facciano promotrici di comunicazioni serie e responsabili, che invitino i cittadini e le cittadine a vaccinarsi, un dovere civile e un atto di solidarietà. Chiediamo con urgenza un intervento da parte del legislatore per rivedere le responsabilità oggettive dei primi cittadini, perché la cronaca degli ultimi mesi dimostra chiaramente come fare il sindaco sia diventato anche un mestiere pericoloso, oltre che rischioso, dal punto di vista penale ed erariale. Non è più accettabile. I sindaci - conclude Ali - chiedono maggiori tutele e rispetto".

Tam tam sui cellulari per nuova manifestazione a Lecco

Intanto per domani, sabato 31 luglio era stata annunciata una nuova manifestazione a Lecco contro il green pass dopo quella andata in scana sabato scorso (vedi immagine di copertina) che ha creato non poche polemiche. Nessuna comunicazione ufficiale ma una sorta di tam tam  sui cellulari per chiamare a raccolta i partecipanti.