Luminarie libere, ma non sugli alberi di Lecco: la provocazione del Comitato AlberiAmo

"In altre città, piccole o grandi che siano, si riescono a conciliare le diverse esigenze.  Chiediamo che le regole prestabilite siano fatte rispettare".

Luminarie libere, ma non sugli alberi di Lecco: la provocazione del Comitato AlberiAmo
Lecco e dintorni, 22 Novembre 2018 ore 09:28

Luminarie libere, ma non sugli alberi di Lecco. Questa  la "provocazione", o per meglio dire l'invocazione del Comitato AlberiAmo di Lecco che in occasione della  giornata nazionale dell’albero (che è stata celebrata ieri, 21 novembre), ha deciso di compiere  una riflessione sugli alberi urbani.

Polemica sulle luminarie

"Nulla in contrario all’installazione delle luminarie natalizie" spiegano dal comitato promosso tra gli altri dall'agronomo Giorgio Buizza. "Ci siamo chiesti perchè a Lecco vengano appese agli alberi: soprattutto in viale Turati, ma anche in Viale Dante e sul Lungolago. Così è stato negli anni passati e così sarà anche per questo Natale". Una "abitudine che a molti non appare strana, ma che evidentemente, già in passato aveva sollevato qualche dubbio e fatto scattare qualche input a Palazzo Bovara. "Purtroppo si arriva sempre troppo tardi quando le luminarie sono già state appese - prosegue la nota del Comitato -  ma, visto che il problema si ripete, le segnalazioni di un anno dovrebbero essere tenute in conto per l’anno successivo; segnalazione agli uffici competenti ne sono state fatte diverse negli anni passati".

In particolare il Comitato, noto anche aver promosso una battaglia a difesa dell'olmo di Piazza Sassi fa riferimento non solo alle comuni pratiche, bensì a veri e propri regolamenti

LEGGI ANCHE AlberiAmo “Impotenti davanti agli alberi tagliati dal Comune”

Normalmente, sia nei Comuni dove vige un regolamento del verde urbano, sia dove il regolamento non esiste (come a Lecco) è sancito il divieto di utilizzare gli alberi per appendervi alcunchè: luminarie, pubblicità, segnaletica, punti luce, manifesti.Le ragioni sono evidenti: anzitutto è un problema di incolumità pubblica le legature di ciò che viene appeso ai rami, quando le luminarie vengono tolte, spesso restano dimenticate tra le fronde. Per accelerare il lavoro di smobilitazione i legacci restano sui rami e alla lunga provocano danni considerevoli che consistono nella strozzatura dei rami con conseguente pericolo di schianti (vedi foto). Inoltre, danneggiare gli alberi significa anche avere un danno economico per la collettività. La pubblica amministrazione si vedrà costretta ad intervenire per manutenzioni e interventi straordinari per pericoli che si possono prevenire".

4 foto Sfoglia la gallery

 

 

Le richieste al Comune di Lecco

Alberiamo per altro sottolinea che "sono alcuni anni che all’Amministrazione viene chiesto che siano fatte rispettare le regole che la ditta incaricata per l’esposizione delle luminarie sottoscrive al momento del rilascio dell’autorizzazione" Ma quali sono?.

"Le clausole sono esplicite e inequivoche:

 

Il Titolare della ditta autorizzata dichiara:

….(omissis)

Che la posa delle luminarie, dei cavi di supporto e la linea di distribuzione dell’energia elettrica NON hanno in nessun caso interessato, per l’ancoraggio, né direttamente, né indirettamente gli alberi del verde pubblico;

 

 

….(omissis)

Che eventuali ancoraggi eseguiti mediante la posa di cavi agganciati a facciate di fabbricati e che interessano, in attraversamento, la sede stradale saranno rimossi contemporaneamente alle luminarie;"

 

Nessuna risposta dal Comune

"Nonostante sia stato chiesto, negli anni passati, di far rispettare le suddette regole, gli uffici preposti e la vigilanza hanno sempre fatto finta di nulla. Ora intendiamo segnalare pubblicamente l’anomalia" spiegano i membri del comitato. I casi sono due: o si cambiano le regole oppure si fanno rispettare Come si appendono le luminarie in corso Martiri o in Via Cattaneo o in via Roma, strade in cui gli alberi non ci sono, anche nelle vie alberate si possono utilizzare altri sistemi, più sicuri, più stabili, più appropriati, meno soggetti ai capricci delle condizioni meteo, meno rischiosi per la pubblica incolumità, più rispettosi degli alberi. Il rispetto degli alberi in città, la loro buona conservazione e manutenzione in vista di un miglioramento delle condizioni ambientali generali passa anche da regole relativamente banali come queste. In altre città, piccole o grandi che siano, si riescono a conciliare le diverse esigenze.  Chiediamo che le regole prestabilite siano fatte rispettare".