Menu
Cerca

Liberi di respirare: a Lecco oltre 70 mila metri cubi di amianto da rimuovere

Una mostra per riflettere sull'importante tema nella sede di Api Lecco. Taglio del nastro il 23 ottobre

Lecco e dintorni, 16 Ottobre 2019 ore 11:30

Liberi di respirare: amianto killer non è soltanto un mostra che torna, dopo la prima esposizione in Torre Viscontea, nella sede di API Lecco, l’associazione piccole e medie imprese del lecchese, in Via Pergola 73 Lecco. È un progetto che ha come obiettivo la sensibilizzazione di tutta la cittadinanza di Lecco e Provincia sul tema dell’amianto e dei rischi che si corrono, ancora oggi, anche qui in Lombardia e a Lecco, a causa dell’esposizione a questa fibra killer.

Liberi di respirare, amianto killer: una mostra a Lecco per riflettere

Gli studenti del Liceo Artistico Medardo Rosso di Lecco hanno seguito un percorso di formazione insieme al Gruppo Aiuto Mesotelioma (GAM) e attraverso le conoscenze acquisite hanno realizzato opere artistiche, pezzi unici realizzati attraverso stampa di calcografia e serigrafia, ma fruibili nel significato anche grazie all’azione di alcuni supporti multimediali con i quali è stato possibile rendere ‘tangibile’ l’iter creativo seguito da ogni artista per la produzione del lavoro nonché le riflessioni e le emozioni che lo hanno attivato.

Amianto e le terribili malattie asbesto-correlate

Emozioni che hanno fatto da base per un percorso di formazione e di consapevolezza sul tema dell’amianto e sulle terribili malattie asbesto-correlate. La salute infatti è stata definita dall’Organizzazione mondiale della sanità lo “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”.

La situazione a Lecco

LEGGI ANCHE Gravi danni dopo la tempesta a Lecco: il vento spazza via il tetto in eternit della ex Perillo FOTO

La salute viene considerata un diritto e come tale si pone alla base di tutti gli altri diritti fondamentali che spettano alle persone, ma nonostante ciò, nel territorio di Lecco e provincia sono ancora presenti oltre 70 mila i metri cubi di amianto da rimuovere, l’equivalente di un palazzo di 13 piani costruito interamente da fibre cancerogene.  L’intento del Gruppo Aiuto Mesotelioma e della mostra è quello di ottenere nel territorio un livello di amianto pari a zero, l’unica esposizione veramente sicura, come ha dimostrato l’Agenzia Internazionale di Ricerche sul Cancro (IARC).

I protagonisti

È per affermare il diritto universale alla salute che la mostra è stata pensata dal Liceo artistico Medardo Rosso e dal GAM in collaborazione con API di Lecco e con il patrocinio del Comune di Lecco e della Fondazione comunitaria del Lecchese. Per massimizzare l’efficacia della sensibilizzazione la mostra è accompagnata da diverse attività di comunicazione online gestite dai ragazzi che hanno partecipato al progetto. Oltre ai canali tradizionali, come poster, cartoline e volantini, la mostra è stata raccontata attraverso i canali digitali, dove soprattutto i più giovani sono maggiormente attivi. Post su Facebook, immagini su Instagram sui profili creati ad hoc “Amianto Killer”.

Il programma

L’inaugurazione avrà luogo con una conferenza stampa che si terrà nella sede di API Lecco il 23 ottobre 2019 alle ore 15.30.

La mostra allestita sarà visitabile gratuitamente fino al 21 novembre 2019 da lunedì a venerdì 8.30 – 12.30 e dalle 13.30 – 17.30.

Infine, giovedì 21 novembre alle ore 20.30 ci sarà la serata conclusiva dell’esposizione, aperta alla cittadinanza e a entrata libera, nella sala conferenze di API Lecco dove verranno proiettati dei video realizzati durante la realizzazione delle opere esposte in mostra. Per l’occasione gli studenti del liceo artistico Medardo Rosso di Lecco presenteranno direttamente le opere a tiratura limitata che saranno acquistabili dai presenti con lo scopo di sostenere le attività dell’associazione GAM – Gruppo Aiuto Mesotelioma ODV.

Infine ci sarà un momento conviviale, a cura di alcuni ragazzi del Liceo artistico Medardo Rosso con proposte musicali.

Gruppo Aiuto Mesotelioma (GAM)

L’associazione nasce nel 2014 grazie ad un gruppo di famigliari vittime dell’amianto ai quali si sono aggiunti cittadini reattivi per dare voce a un tema tristemente attuale. L’associazione in questi anni ha promosso, collaborando con le istituzioni, molte iniziative sia sul territorio lecchese che comasco volte a informare sul tema – ancora drammaticamente attuale – dell’amianto: sulla sua pericolosità e sulle misure da adottare. Lo strumento con cui il GAM agisce sono convegni, proiezioni di film, dibattiti, e numerosi progetti ambiente-salute in collaborazione con studenti di istituti scolastici del territorio.

Dal 2016 il GAM svolge gratuitamente, e in collaborazione con gli uffici del Comune di Lecco, lo Sportello Amianto, la cui principale missione è fornire indicazioni e supporto agli ammalati, e alle loro famiglie, spesso impreparati ad affrontare le malattie causate dalle fibre dell’amianto, come il mesotelioma.

 

Inoltre il GAM promuove manifestazioni culturali e musicali, volte a raccogliere donazioni  per la ricerca e per eventi di sensibilizzazione sul territorio.

L’associazione fa parte del Coordinamento Nazionale Amianto (CNA) ed è membro del comitato scientifico dello Sportello Amianto Nazionale.