Lecco sul tetto del mondo: 60 anni fa la spedizione Gasherbrum IV FOTO

La spedizione, guidata dal lecchese Riccardo Cassin, vide Walter Bonatti e un altro "mitico" lecchese, Carlo Mauri, raggiungere la vetta.

Lecco sul tetto del mondo:  60 anni fa la spedizione Gasherbrum IV FOTO
Lecco e dintorni, 16 Novembre 2018 ore 11:45
Lecco sul tetto del mondo: 60 anni fa la spedizione Gasherbrum IV. Nel 1958  inaftti il Club alpino italiano organizzò una spedizione al Gasherbrum IV, montagna di 7980 metri nel Karakorum, il cui successo segnò un importante progresso nella strategia e nella tecnica alpinistica della conquista dei giganti himalayani. Tale spedizione, guidata dal lecchese Riccardo Cassin, che vide Walter Bonatti e un altro "mitico" lecchese, Carlo Mauri, raggiungere la vetta, grazie anche allo sforzo comune di tutta la squadra, si distinse inoltre per concezione e organizzazione: fu adottata infatti una formula nuova, quella dell'alpinismo più cultura, espressi ai massimi livelli.  Nel 60° anniversario di quell'impresa il Club alpino italiano pubblica il volume fotografico "Gasherbrum IV. La montagna lucente", basato sulle immagini di Fosco Maraini, che della spedizione fu lo storiografo e documentarista. Il libro quindi, tramite la suggestione delle foto, propone una visione degli eventi della spedizione che va oltre quella dell'illustrazione di luoghi, paesaggi e montagne in cui si svolse.

60 anni fa la spedizione Gasherbrum IV

2 foto Sfoglia la gallery
Il volume si sviluppa secondo la visione di Maraini per cui la fotografia è parte di un discorso narrativo, su un doppio registro di testo e immagini. Curato da Alessandro Giorgetta, nei tre capitoli introduttivi definisce il contesto storico dell'alpinismo internazionale di quegli anni e la storia delle quattro spedizioni nazionali organizzate dal CAI dal 1954 al 1975.
Rilievo particolare viene dato naturalmente a quella del GIV, che nel quadro della corsa agli 8000 costituìun elemento nuovo nel metodo di ricerca dell'attività alpinistica che è tuttora vitale. Il terzo capitolo vede inoltre un inedito confronto tra la figura di Fosco Maraini, documentarista e fotografo della spedizione al GIV, e quella di Mario Fantin, documentarista e fotografo della spedizione al K2 del 1954.

LEGGI ANCHE G4/’58. Verso la Montagna di Luce

L'opera

Nelle 128 pagine dell'opera le parole lasciano alle immagini il racconto dell'impresa. Un centinaio di scatti, anche a piena pagina, per la maggior parte di Fosco Maraini, esprimono in modo magistrale il paesaggio naturale e umano, teatro di quella esperienza. La sua opera fotografica, anche se qui circoscritta alle immagini della spedizione alpinistica, mancava diuna pubblicazione mirata che ne portasse alla luce tutte le valenze che ne hanno fatto un grande maestro della fotografia della seconda metà del Novecento.

Vincenzo Torti

"Quest'opera intende essere molto di più di una celebrazione: nel quadro delle quattro storiche spedizioni organizzate dal CAI, infatti, quella al Gasherbrum IV assume connotazioni del tutto particolari, che, come spesso accade per gli eventi umani, il tempo ha reso più evidenti", scrive il Presidente generale Vincenzo Torti nella prefazione. "Tutti i protagonisti, alpinisti e portatori, sono colti nella quotidianità della spedizione, al pari che nei momenti esaltanti della paziente costruzione della salita, diventandoci familiari e riacquistando una vitalità fuori dal tempo. Così, la spedizione al GIV recupera, non solo presso gli alpinisti, quella visibilità che il suo elevatissimo contenuto tecnico e culturale avrebbe meritato da subito".

"Gasherbrum IV. La montagna lucente" è acquistabile dal 13 novembre nelle librerie specializzate e sullo store on line del CAI (store.cai.it) a un prezzo al pubblico di 28,50 Euro (Soci CAI 22,00 Euro).