Manfredi e il Mandic: “Ospedale cruciale, non sono venuto qui ad affossarlo”

Il dg dell'Asst di Lecco parla di investimenti, criticità e prospettive future in una lunga intervista.

Manfredi e il Mandic: “Ospedale cruciale, non sono venuto qui ad affossarlo”
Meratese, 19 Dicembre 2017 ore 09:57

Intervista a tutto tondo al Stefano Manfredi, direttore generale dell’Asst di Lecco.

Manfredi e l’eterna rivalità tra gli ospedali di Lecco e Merate

Non ci sta il direttore generale dell’Asst di Lecco Stefano Manfredi a passare per quello che è stato chiamato da fuori Regione a fare il lavoro sporco (e cioè affossare il Mandic a beneficio del Manzoni), mettendo in atto un’operazione che altri più legati al territorio sarebbero stati recalcitranti a fare. E neppure ci sta a passare per un dg debole, manovrato ad arte da un cricca di capi dipartimento (lecchesi) determinati a fare a sue spese, anzi a spese del Mandic, il bello e il cattivo tempo.

“Mi sono sempre battuto per il Mandic, come per il Manzoni del resto”

«Non è nel mio stile», si limita a dire con una battuta Manfredi. «E sopratutto non risponde al vero, che io sia qui allo scopo di affossare il Mandic. Anche perché sono convinto esattamente del contrario e cioè che l’ospedale di Merate sia assolutamente strategico per il territorio e l’Azienda. E credo di averlo dimostrato con fatti concreti, non a parole». Nella lunga intervista rilasciata in esclusiva al Giornale di Merate, il dg parla del lavoro svolto fino ad oggi e degli investimenti programmati. Ma anche delle criticità dell’ospedale: dell’efficienza delle sale operatorie e della carenza di personale al Pronto soccorso, della fuga dei medici e dei primari. E della futura convenzione quadro con Retesalute per l’attuazione della riforma sanitaria.

L’intervista completa sul Giornale di Merate in edicola da martedì 19 dicembre.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia