Incredibile in Brianza Babbo Natale rimosso dai muri dell’oratorio

Dopo la polemica innescata da alcuni parrocchiani

Incredibile in Brianza Babbo Natale rimosso dai muri dell’oratorio
Lecco e dintorni, 14 Dicembre 2017 ore 15:28

Babbo Natale rimosso dai muri dell’oratorio di Sovico. A raccontare l’incredibile vicenda è  il nostro portale giornaledimonza.it

Babbo Natale rimosso dai muri dell’oratorio

Contestati Babbo Natale e le sue renne sui muri dell’oratorio perché simboli non religiosi. La polemica è scoppiata sul gruppo Facebook “Sei di Sovico se…”. A lamentarsi sono stati alcuni residenti e frequentatori della parrocchia. A fronte di questa protesta, l’Amministrazione comunale ha provveduto a dirigere il fascio luminoso verso la facciata del Comune. La motivazione è apparsa sulla pagina Facebook di Uniti per Sovico: “La cancellazione dell’immagine di Babbo Natale dalla facciata dell’oratorio è conseguente ad una richiesta della parrocchia. La proiezione è stata spostata sul prospetto del Municipio”.

I commenti su Facebook

C’è anche chi contesta questa scelta (quella di togliere l’immagine di Babbo Natale dalla facciata dell’oratorio) tra incredulità, ironia e rabbia. Quante volte la figura di Babbo Natale è stata al centro di attività di animazione? Non per questo in contrasto con le tradizioni religiose.

La risposta del sindaco, Alfredo Colombo

“Non c’è stata alcuna polemica – precisa il sindaco, Alfredo Colombo – Come ha ribadito anche il nostro parroco, don Ivano Spazzini, durante un confronto. La questione ha avuto un risalto maggiore di quello che meritava. E’ stato un incidente di percorso, accaduto in buona fede: all’inizio non ci è stata specificata l’immagine che sarebbe stata proiettata. Comunque ricevuta la richiesta abbiamo provveduto subito a soddisfarla. Ci sembra comunque un’immagine originale e piacevole, che dà una sensazione di gioia, oltre al fatto di essere un simbolo universale”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia