Incidente frontale tra tir e auto lungo la Provinciale FOTO

Nello schianto è rimasta ferita gravemente un'intera famiglia di Santa Maria Hoè

Incidente frontale tra tir e auto lungo la Provinciale FOTO
11 Novembre 2017 ore 07:29

Un grave incidente frontale si è verificato questa sera sulla Sp342dir   a Osnago. Lo scontro è avvenuto tra l’auto sulla quale viaggiava una famiglia di Santa Maria Hoè  e un tir guidato da un autista comasco.

Incidente frontale a Osnago

L’incidente si è verificato poco prima delle 19.30. Stando a una prima ricostruzione dell’accaduto, pare che un tir proveniente da Milano in direzione Lecco abbia imboccato contromano la rotatoria poco dopo il cavalcavia per infilarsi in via Olivetti, strada di accesso alla limitrofa della zona industriale. In quel momento, in direzione opposta stava sopraggiungendo una Peugeot 308 SW, che è stata centrata frontalmente. L’auto, ribalzando nell’urto, ha abbattuto un palo dell’illuminazione ed è finita in un parcheggio sottostante il crocevia.

Quattro feriti nello schianto

Quattro i feriti soccorsi dal grande dispiegamento di mezzi impegnato sul posto. I tre occupanti dell’auto, una famiglia residente a Santa Maria Hoè (di 49, 49 e 17 anni) e l’autista del camion, un 40 enne  residente a Mariano Comense, che si è sentito male dopo l’incidente. Da quanto si è appreso sul posto, quest’ultimo è stato ricoverato in codice giallo  al Mandic di Merate, mentre madre e figlia sono state indirizzate, sempre in codice giallo, al Manzoni di Lecco. Il padre, il più grave, è invece stato trasportato in autoambulanza  in codice rosso al San Raffaele di Milano. In un primo momento era stato allertato anche l’elisoccorso che però non si è reso necessario.

Sul posto  gli agenti della Polizia stradale di Lecco impegnati nei rilievi sulla dinamica, ma anche i Vigili del fuoco di Merate, fondamentali per estrarre i feriti dall’abitacolo della Peugeot.

5 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia