Menu
Cerca
Sul lago

In spiaggia a prendere il sole, sul lungolago a raccogliere legna o a spasso con scuse inventate: scattano le sanzioni

"Basta giocare con la vita altrui: occorre restare in casa!"

In spiaggia a prendere il sole, sul lungolago a raccogliere legna o a spasso con scuse inventate: scattano le sanzioni
Cronaca Lago, 03 Aprile 2020 ore 09:13

In spiaggia a prendere il sole, sul lungolago a raccogliere legna o a spasso con scuse inventate: scattano le sanzioni Lago dove i sindaci di Lierna e Dervio stigmatizzano pubblicamente comportamenti assurdi.

LEGGI ANCHE Coronavirus: i contagi a Lecco e in provincia COMUNE PER COMUNE

In spiaggia a prendere il sole, sul lungolago a raccogliere legna o a spasso con scuse inventate: raffica di sanzioni

A Dervio un anziano è stato sanzionato perchè sorpreso a raccogliere legna sul lungolago.  “Il signore in questione era già stato redarguito dalle forze dell’ordine, conosceva bene i divieti e oggi è stato sanzionato – ha specificato il primo cittadino Stefano Cassinelli. “Il signore ha il riscaldamento in casa visto che qualcuno ipotizza che le forze dell’ordine lascino gli anziani al freddo. Per ulteriore correttezza d’informazione, prima che arrivino altre polemiche, sono state elevate anche altre 2 sanzioni a due giovani che erano al lago a prendere il sole. La cifra della sanzione non viene determinata dalla Polizia locale ma dal decreto governativo. Gli agenti che non fanno le sanzioni incorrono nel reato di omissione di atti d’ufficio. La gente muore anche perché uno va a prendere legna che non è necessaria, altri vanno a prendere il sole perché sono 3 settimane che non escono, altri portano il cane a fare chilometri perché deve camminare. Non parliamo di aver lasciato la macchina in divieto di sosta un minuto per andare in farmacia ma di aver violato una norma che serve a salvare le vite il tutto per motivi di certo non urgenti. Da parte mia e dell’amministrazione comunale un GRAZIE ENORME alle Forze dell’ordine a cui va il massimo sostegno.

Stefanoni: “Basta giocare con la vita altrui: occorre restare in casa!”

“Giovedì 2 aprile abbiamo sanzionato 3 cittadini, che non avevano ragioni urgenti per essere fuori casa – ha sottolineato il sindaco di Lierna Silvano Stefanoni –  La polizia locale, che ringrazio per il grande, costante e quotidiano lavoro di controllo, continuerà a sanzionare tutti i giorni chi con scuse sciocche sfida le regole per uscire di casa. Basta giocare con la vita altrui: occorre restare in casa! Ricordo, che nel nostro paese RIMANE in vigore l’ordinanza sindacale n. 7 emessa in dat a21/03/2020 , che non consente l’accesso alla casetta dell’acqua ed al cimitero e non permette passeggiate e jogging. Mentre sull’eventuale apertura del Centro di Raccolta, sono in attesa di comunicazioni da parte del gestore Silea e d’ulteriori comunicazioni da parte della prefettura. In questo momento difficile per tutti, sono particolarmente stanco di sentire polemiche futili di chi appartiene a questo o a quell’altro schieramento politico: dobbiamo vincere la battaglia contro il Coronavirus e la vinceremo solo se non ci consideriamo prima di tutto azzurri, gialli, rossi o verdi, ma ognuno di noi si fa sentinella del vicino e da il proprio contributo per quello che può”.
Restiamo a casa, restiamo a casa, restiamo a casa.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli